PAKISTAN. Imran Khan vuole rinegoziare il CPEC

66

Il Pakistan probabilmente rivedrà alcuni dei progetti energetici e infrastrutturali della Cina con la vittoria elettorale di Imran Khan, ma resta molto probabile il mantenimento di stretti legami con Pechino come priorità nella politica estera. Il Pakistan Movement for Justice, Pti, di Khan ha annunciato la propria vittoria alle elezioni politiche, anche se i partiti rivali lo accusarono di frode.

Il populista ex star del cricket ha detto che la sua nazione può imparare molto dalla lotta della Cina contro la corruzione e dagli sforzi compiuti da Pechino per alleviare la povertà. Uno dei punti chiave della campagna di Khan è stato quello di evidenziare le accuse di corruzione contro la Pakistan Muslim League-Nawaz,Pml-N, uno dei principali attori politici del paese e promotore del Corridoio economico Cina-Pakistan, Cpec, riporta Scmp. L’ex primo ministro e leader del Pml-N, Nawaz Sharif è stato incarcerato con l’accusa di corruzione il mese scorso.

Il partito di Khan e altri partiti dell’opposizione hanno organizzato frequenti proteste che hanno ritardato i progetti collegati al corridoio, ma Khan ha sottolineato che l’obiettivo era colpire Sharif e non la Cina. Khan ha detto nel suo discorso dopo la vittoria che il corridoio economico è una “grande opportunità” per guidare gli investimenti in Pakistan. Tuttavia, il progetto da 62 miliardi di dollari ha creato i dubbi sull’eventuale forte indebitamento nei confronti di Pechino.

Diversi progetti lungo il Cpec potrebbero essere sospesi e rinegoziati, ma comunque ne è stata assicurata la completa esecuzione. Secondo il giornale di Hong Kong, Khan avrebbe probabilmente chiesto maggiore trasparenza nei progetti e maggiori benefici economici per i poveri, per rafforzare il suo approccio politico populista. Il Pakistan, comunque, si trova in una posizione negoziale molto più debole rispetto a paesi come la Malesia, che ha bloccato i progetti sostenuti dalla Cina; il Cpec è vitale per le prospettive economiche di Islamabad e non può essere cancellato da un giorno all’altro. Tutti i partiti, Poi in testa, sanno che il Cpec rappresenta una delle migliori opportunità di sviluppo economico per il paese asiatico.

Il Cpec, stando ai dati Fmi, ha portato investimenti di cui c’era grande bisogno, ma ha anche aumentato il disavanzo delle partite correnti e il debito estero del paese. La situazione è aggravata dal fatto che molti dei profitti del progetto vengono riversati in Cina.

Maddalena Ingrao