PAKISTAN. Imran Khan incontra i talebani per la pace afgana 

63

Il primo Ministro pakistano dovrebbe diventare il primo capo di stato a incontrare la leadership talebana dopo la cacciata dal potere del gruppo militante nel 2001. L’incontro ha il consenso del governo afghano e il Pakistan dovrà aggiornare il governo afghano dopo l’incontro.

«L’assistente speciale del primo Ministro Naeem-ul-Haq ha detto che Imran Khan incontrerà presto il leader talebano per la risoluzione pacifica della crisi afgana», riporta il sito web di Radio Pakistan. Una riunione simile era stata preparata a febbraio a Islamabad ma era stata annullata all’ultimo minuto dopo le forti obiezioni dal governo afgano. Haq ha detto che una recente visita del presidente afghano Ashraf Ghani in Pakistan, tuttavia, che entrambe le parti hanno definito un successo, ha aiutato a ricostruire la fiducia, riporta VoA.

L’annuncio è arrivato lo stesso giorno in cui il Pakistan aveva anche confermato che Khan visiterà Washington per tre giorni a luglio e incontrerà il presidente Donald Trump il 22 luglio, riporta Dawn. Lo sviluppo è il disgelo in un rapporto complicato sempre più  da quando Trump è al potere. L’anno scorso, gli Stati Uniti hanno sospeso più di 1,6 miliardi di dollari in aiuti alla sicurezza in Pakistan.

La notizia della riunione di Khan arriva anche in un momento in cui una squadra statunitense sta tenendo il suo settimo round di negoziati con una delegazione talebana a Doha, Qatar.

Il portavoce talebano, Suhail Shaheen, aveva detto il 3 luglio ad Al Jazeera che le due parti hanno fatto «progressi spettacolari» durante l’attuale round di consultazioni e hanno completato l’«80-90 per cento» del lavoro su un progetto di accordo per porre fine al conflitto iniziato nel 2001. Allo stesso tempo, il dialogo intrafghano a Doha, ospitato congiuntamente dai governi del Qatar e della Germania, è previsto per il 7-8 luglio.

Samim Arif, un vice portavoce di Ghani, ha detto che un certo numero di funzionari governativi saranno tra i 64 partecipanti in viaggio da Kabul. Ha chiarito, comunque, che i funzionari parteciperanno a titolo personale e che non ci sarà una delegazione afgana ufficiale. Finora, la dirigenza talebana ha rifiutato di incontrare, in veste ufficiale, i rappresentanti di un governo che chiama “fantoccio” degli americani.

Atif Mashal, ambasciatore dell’Afghanistan in Pakistan, ha detto che mantenere il governo a bordo è fondamentale per progredire nel processo di pace. Ha sottolineato, anche, che in caso di negoziati, il governo afghano deve essere un partecipante chiave. La lista dei partecipanti all’incontro di Doha include donne, attiviste della società civile e rappresentanti dei giornalisti afghani.

Antonio Albanese