PAKISTAN. I Cinesi non pagano i dazi pachistani per il CPEC

77

Gli investitori cinesi nel Cpec, il corridoio economico sino-pachistano, stanno godendo di ogni tipo di franchigia fiscale dalle entrate doganali, dai redditi, dalle vendite, dalle accise federali e dalle ritenute fiscali del Pakistan.

Secondo quanto riprova Dawn, nonostante tutti gli sconti fiscali e le esenzioni, che ammontano a circa 150 miliardi di rupie in perdite di reddito, il governo afferma che non ci saranno effetti negativi sulle industrie locali e sugli investitori nazionali.

In una risposta inviata all’Assemblea Nazionale la scorsa settimana, il ministro delle Finanze pakistano ha spiegato la serie di esenzioni fiscali o sconti offerti agli investitori cinesi, che sono stati notificati attraverso gli Ordini regolamentari statutari, Sro.

Nella sua risposta il ministro Ishaq Dar non ha quantificato il costo finanziario delle esenzioni in materia di entrate. Secondo lui, le esenzioni dal prelievo dei dazi doganali in fase di importazione sono state specificamente progettati, notificati e messi a disposizione dei contraenti cinesi per alcuni progetti di strade, transito e porto di Gwadar.

Tra le altre misure, sono incluse l’esenzione dai dazi doganali all’importazione di macchinari e attrezzature, se non fabbricati localmente, dalla China Construction Engineering Corporation Limited e dalla China Communication Construction Company per la costruzione della sezione Sukkur-Multan dell’autostrada Karachi-Peshawar e della Karakoram Highway Fase II.

Sono incluse in questa categoria anche le esenzioni doganali sulle importazioni di materiale e materiale per la linea ferroviaria Orange Line di Lahore.

Inoltre sono state concesse esenzioni doganali anche alle importazioni al concessionario e alle sue società operative per la costruzione, le operazioni e lo sviluppo del porto di Gwadar e di tutte le imprese connesse al porto come stabilito nella zona libera di Gwadar. Inoltre, concessioni ed esenzioni dal prelievo di dazi doganali all’importazione di merci erano già disponibili per alcuni progetti iniziali del settore carbonifero di Thar, ora estesi ai progetti Cpec.

Per il settore elettrico, per i progetti di generazione che utilizzano energia petrolifera, gas, carbone, eolico e marea marina, è disponibile un tasso del dazio concessionario pari allo zero per cento, 3 punti e 5 punti per l’importazione di macchinari, attrezzature e pezzi di ricambio non fabbricati localmente.

Oltre a ciò, i redditi derivanti dalle operazioni portuali da parte della China Overseas Ports Holding Company Limited, la China Overseas Ports Holding Company Pakistan (Private) Limited, il Gwadar International Terminal Limited, il Gwadar Marine Services Limited e la Gwadar Free Zone Company Limited è stata concessa l’esenzione dall’imposta sul reddito per 23 anni, con effetto dal 6 febbraio 2007. Inoltre, al reddito generato dagli appaltatori e dai subappaltatori di queste cinque società dalle operazioni portuali è stata concessa l’esenzione fiscale per 23 anni dal 1° luglio 2016.

La risposta del ministero ha inoltre affermato che l’esenzione fiscale sul reddito di Aziende, appaltatori, subappaltatori ecc impegnati nei progetti Cpec non avrebbe probabilmente influenzato gli interessi dei contraenti e dei subappaltatori locali, ecc.

Tommaso dal Passo