Licenziati generali pachistani per corruzione

11

PAKISTAN – Rawalpindi 24/04/2016. Con una decisione senza precedenti, il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito pachistano, Generale Raheel Sharif, ha licenziato sei ufficiali dell’esercito, tra cui almeno due generali, dal servizio per presunta corruzione.

La notizia era stata riportata dai media pakistani nei giorni scorsi, e fatta passare come pura speculazione. L’agenzia Dawn, ha però confermato l’avvenimento: si tratterebbe di generali a una, due e tre stelle più una serie di alti gradi dell’esercito. Gli ufficiali hanno prestato servizio il Frontier Corps (Fc) Balochistan e sono stati accusati di corruzione durante il loro servizio.
Agli ufficiali è stato chiesto di restituire tutti i guadagni accumulati con la corruzione, e nel contempo gli sono stati sospesi tutti i benefici e privilegi connessi con il loro grado, tranne la loro pensioni.
Lo sviluppo inatteso arriva dopo che arriva due giorni dopo il Capo di Stato Maggiore (nella foto) aveva detto che la guerra contro il terrorismo non può essere vinta a meno che «la minaccia della corruzione non sia sradicata». Il gen Raheel ha dichiarato che: «Le Forze armate del Pakistan sosterranno pienamente ogni sforzo significativo in questa direzione per garantire un futuro migliore alle nostre prossime generazioni». La decisione del capo dell’esercito avviene proprio durante il presunto coinvolgimento del premier Nawaz Sharif nello scandalo dei Panama Papers. Per questo scandalo l’opposizione guidata da Imran Khan ha già chiesto una nova commissione d’inchiesta e le dimissioni di chiunque sia coinvolto nello scandalo.