PAKISTAN. Chiuse le scuole al confine con l’Iran per Coronavirus

118

La provincia meridionale pakistana del Sindh ha esteso la chiusura di tutte le istituzioni educative a seguito della conferma di un secondo caso di coronavirus a Karachi, la più grande città del paese.

Il Pakistan ha confermato quattro casi di coronavirus, tre dei quali riguardano persone che si erano recate nel vicino Iran, uno dei paesi più colpiti dall’epidemia iniziata in Cina a dicembre 2019.

Mentre due dei casi confermati si trovavano nella città portuale meridionale di Karachi, gli altri due nella capitale Islamabad. Le scuole del Sindh sono chiuse da giovedì 27 febbraio, dopo la conferma del primo caso a Karachi.

«Il governo del Sindh ha deciso di tenere le scuole chiuse fino al 13 marzo, così il periodo di isolamento dei casi sospetti potrebbe essere completato», ha detto Saeed Ghani, ministro provinciale dell’Istruzione, ripreso da Reuters «Non vogliamo correre alcun rischio».

Secondo un comunicato stampa, i funzionari del dipartimento dell’istruzione hanno fatto una ispezione nelle scuole aperte in diverse località – tra cui Landhi, Lyari, Korangi, Gulshan-e-Hadeed e altre aree – in città su ordine della Direzione di ispezione e registrazione delle istituzioni private.

I funzionari hanno poi chiesto al presidente del Board of Secondary Education Karachi di avviare un’azione contro tali istituzioni per mancato riospetto delle norme di prevenzione. Inoltre, il direttore generale della Direzione, il dottor Mansoob Hassan, ha anche convocato i direttori delle scuole rimaste aperte.

Le scuole di Islamabad sono comunque rimaste aperte, ma la provincia occidentale scarsamente popolata del Baluchistan, che confina con l’Iran, ha chiuso le sue scuole la scorsa settimana. Il Pakistan ha sospeso tutti i voli con l’Iran e la settimana scorsa ha chiuso il confine terrestre.

Il ministro della Salute Zafar Mirza ha detto che il governo sta gradualmente permettendo ai pellegrini di tornare dall’Iran, dopo averli tenuti in quarantena al confine per 14 giorni.

Circa 700 pellegrini sono arrivati a Karachi dall’Iran durante il fine settimana, ha detto l’ufficio del primo ministro del Sindh in un comunicato.

Lucia Giannini