Il Perù dice no al transgenico

36

PERU’- Lima. Nuovo regolamento contro gli OVM in Perù, con l’entrata in vigore del regolamento sull’etichettatura il Perù bandisce per 10 anni gli organismi viventi modificati entro i suoi confini.  «Un grande passo avanti» ha dichiarato il ministro dell’Ambiente Manuel Pulgar Vidal, nel regolare l’introduzione di organismi viventi modificati (OVM) in Perù.

Il ministro ha lodato il regolamento che è entrato in vigore il 14 novembre adottato la legge 29811 che stabilisce una moratoria all’importazione e alla produzione di OVM in Perù per 10 anni.

La legge, che è stata approvata inizialmente l’8 dicembre 2011, si propone di impedire l’arrivo, la produzione e la diffusione di OVM nel paese per essere utilizzati come colture o animali, compresi gli organismi acquatici, per paura di contaminare piante indigena del Perù e degli animali popolazioni se gli organismi transgenici venissero rilasciati nell’ambiente.

Secondo Pulgar Vidal, la politica «rafforza la ricerca e la competitività sulla base di colture autoctone e la diversità delle colture. Il presente regolamento ha due parti principali, la costruzione e la capacità di regolamentazione. Il Ministero dell’Ambiente è il punto focale nazionale e l’autorità competente per l’applicazione del regolamento, che stabilisce i protocolli e coordinare le azioni con le autorità competenti per controllare i movimenti transfrontalieri».

 

Un pezzo importante del regolamento è che la classifica reati e prevedendo anche sanzioni, incluse multe fino a 36,5 milioni di nuevos soles (14,3 milioni di dollari) e la confisca e la distruzione di OVM, organismi viventi modificati per portare nel paese.

 

La Convenzione Nazionale Agraria, o CNA, che comprende produttori agricoli su piccola scala, ha dichiarato che il mandato «è solo il primo passo per la salvaguardia della biodiversità e la sicurezza alimentare e la sovranità, nel paese»

 

«Riteniamo che il regolamento approvato è un importante passo in avanti, perché prende in considerazione i meccanismi di controllo e monitoraggio per quanto riguarda il divieto di importazione di organismi viventi modificati (transgenici)», la CNA ha detto in un comunicato. «A livello globale, vi è più di una prova sufficiente del grave impatto [fanno] e la loro incompatibilità con il modello di agricoltura su piccola scala e sostenibile nel quadro della sovranità alimentare».

 

Tuttavia, la CNA ha osservato che, sebbene il regolamento vieta l’importazione di sementi transgeniche, «non c’è chiarezza regolamentare per quanto riguarda l’importazione di alimenti prodotti in altri paesi con prodotti transgenici».

 

La Biologa Antonietta Gutiérrez-Rosati, ricercatore presso l’Università Nazionale di Agraria-La Molina, si è detta d’accordo con la CNA. Spiegando che il regolamento vieta solo il rilascio di organismi viventi modificati nell’ambiente, senza vietare l’importazione di cereali o di altri prodotti per l’alimentazione umana o animale o alla lavorazione che contengono transgenici.

«I prodotti derivati da transgenici, come gli oli o prodotti trasformati, possono comunque essere importati» ha riferito la biologa Gutiérrez-Rosati ha detto, secondo quanto riferiscono i media. Ha aggiunto che «se una persona vuole importare OVM, le autorità chiederanno a che cosa servono, e se la risposta è alimentare il pollame, non avranno alcun problema».