Mano libera nell’economia per Outtara

44

COSTA D’AVORIO – Abidjan13/4/13. Il parlamento della Costa d’Avorio ha concesso al presidente Alassane Ouattara il potere di prendere decisioni riguardanti l’economia, dandogli così mano libera per attuare tutti quei programmi economici volti a stimolare il recupero post-bellico della nazione.

Primo produttore di cacao del mondo, il Paese sta emergendo da un decennio di crisi politica, onclusasi con una guerra civile nel 2011 e vive oggi una vivace ripresa economica: Nel 2012 ha registrato una crescita del Pil del 9,8%.

Forti investimenti nel rinnovamento delle infrastrutture e la produzione di energia unita all’espansione del settore minerario e del nascente settore petrolifero sono gli strumenti per riportare Abidjan ad essere una potenza economica regionale.

Ouattara ha vinto le elezioni dopo un ballottaggio con il presidente uscente Laurent Gbagbo alla fine del 2010. Tuttavia il rifiuto di Gbagbo di riconoscere la sua sconfitta ha scatenato mesi di violenze che hanno fatto più di 3000 vittime.

Gbagbo è stato arrestato nell’aprile 2011 ed è ora in attesa di giudizio presso la Corte penale internazionale, accusato di crimini contro l’umanità.