OPEC. Rialzate le previsioni di fronte al crollo del Venezuela

307

L’Opec ha alzato le sue previsioni per l’approvvigionamento di petrolio dai paesi non membri, quest’anno, per quasi raddoppiare la crescita prevista quattro mesi fa con prezzi più elevati, che stanno spingendo gli Stati Uniti a perforare lo scisto, per compensare i tagli Opec e il crollo della produzione venezuelana. 

Nel suo rapporto mensile, riporta Reuters il 14 marzo, l’Opec ha dichiarato che i produttori non Opec avrebbero incrementato l’offerta di 1,66 milioni di barili al giorno nel 2018. È il quarto aumento rispetto alle previsioni di 870.000 bpd, fatte a novembre 2017.

«Per il 2018, ci si attende una crescita più sostenuta, grazie al previsto aumento della produzione di scisti negli Stati Uniti a seguito di un migliore contesto dei prezzi non solo per i produttori di scisti, ma anche per altri paesi come Canada, Regno Unito, Brasile e Cina (…) Ciò porterebbe a una distribuzione trimestrale più elevata durante tutto l’anno, con un livello record alto previsto per il quarto trimestre» si legge nel rapporto.

L’Opec, la Russia e diversi altri produttori non Opec, ma non gli Stati Uniti, hanno iniziato a tagliare l’offerta nel gennaio 2017 nel tentativo di azzerare l’eccesso globale di greggio che si era accumulato dal 2014; hanno poi prorogato il patto fino alla fine del 2018.

L’operazione ha contribuito a far lievitare i prezzi del petrolio, che quest’anno ha superato i 71 dollari al barile per la prima volta dal 2014 e si è avvicinato ai 65 dollari il 14 marzo. Ma ha anche incoraggiato un’inondazione di scisti, tramite polemiche.

Mentre i rivali stanno pompando sempre di più, la produzione Opec nel mese di febbraio è scesa, secondo il rapporto.

La produzione totale è diminuita di 77.000 bpd a 32.186 milioni di bpd, trainata dai cali in Iraq, Emirati Arabi Uniti e Venezuela. Proprio la produzione del Venezuela è calata di circa 183.000 bpd a 1,586 milioni di bpd nel mese di febbraio. Il numero è ritenuto il più basso degli ultimi decenni.

Graziella Giangiulio