Opec: nel 2013 migliora la produzione di Teheran

48

IRAN – Teheran 27/12/2013. Aumento della capacità di produzione petrolifera per Teheran. L’Iran ha aperto una serie di raffinerie a Shazand, Abadan, Teheran, Lavan e Isfahan nel 2013, le quali hanno innescato un aumento della capacità di produzione totale del paese, migliorando anche la qualità della benzina prodotta.

Sulla base della relazione annuale dell’Opec, la capacità di raffinazione petrolifera iraniana si è attestata a 1,68 milioni di barili al giorno nel 2012, intorno al 5,1 per cento in meno rispetto al suo anno precedente; la quota giornaliera di produzione dell’Iran è di circa 262 milioni di litri tra benzina, gasolio, cherosene e olio combustibile. Il paese ha esportato principalmente olio combustibile oltre che cherosene e nafta. Stando a Reuters, Teheran avrebbe esportato 600mila barili di petrolio al mese (21,3 milioni di litri al giorno) nei primi tre trimestri del 2013. L’ex vice ministro del Petrolio Alireza Zeyqhami aveva annunciato il 4 maggio che l’Iran esportava ogni giorno 20 milioni di litri di vari prodotti petroliferi. I dati mostrano che l’Iran ha aumentato le sue esportazioni di olio combustibile in modo significativo nel 2012 per compensare il calo delle esportazioni di greggio. Anche se la cifre mostrano un certo aumento rispetto al 2011, ma è un  incremento minore rispetto all’anno precedente. Secondo la National Iranian Oil Products Distribution Company, l’Iran avrebbe esportato 10 miliardi di litri di olio combustibile (27,4 milioni di litri al giorno) nel corso del 2012, diminuendo così le esportazioni di petrolio fino a 6 milioni di litri al giorno nel 2013. Il resto della produzione è consumatore mercato interno. Secondo l’agenzia di stampa Mehr, l’Iran produce ogni giorno 60 milioni di litri di benzina, 92 milioni di litri di gasolio, 84 milioni di litri di olio combustibile e 26 milioni di litri di cherosene, per un totale di 262 milioni di litri. Mehr riportava il 20 dicembre, che sulla base delle statistiche pubblicate dalla National Iranian Oil Refining & Distribution Company, il consumo di benzina dell’Iran si attesta a 70 milioni di litri (un aumento del 7,5 per cento rispetto all’anno precedente) , mentre il consumo di gasolio del paese ha toccato i 100 – 105 milioni di litri, 8 per cento in più rispetto al 2012. L’Iran avrebbe quindi aumentato la produzione di alcuni prodotti petroliferi, diminuendone altri, non alterando in maniera significativa il livello delle esportazioni. Il dato positivo è qualitativo non quantitativo: il paese ha aumentato la produzione di prodotti pregiati come la benzina e il gasolio. Sempre Mehr riportava il 24 dicembre che, inaugurando alcune nuove raffinerie , l’Iran ha aumentato la sua capacità produttiva di benzina conforme alle norme Euro 4 e Euro 5 fino a 30 milioni di litri al giorno, il dato operò potrebbe non essere reale, viste le dichiarazioni dell’Ad della National Iranian Oil Refining & Distribution Company, Abbas Kazemi, che il  24 dicembre ha fornito altre cifre: il paese ha solo la capacità di produrre e distribuire 13 milioni di litri di benzina conformi alle norme Euro 4 e Euro 5.