ONU, sì al finanziamento anti-pirateria in Somalia

50

SOMALIA – Mogadiscio. 4/5/13. Semaforo verde dall’ONU per i finanziamenti alla Somalia e in altri stati interessati dal fenomeno come Gibuti, Etiopia, Kenya, Maldive e Seychelles per per combattere la pirateria.

L’annuncio è stato fatto a New York, dal Segretario Generale per gli Affari Politici dll’ONU, Taye-Brook Zerihoun, che ha presieduto il Consiglio del Fondo fiduciario per sostenere le iniziative degli Stati membri per contrastare la pirateria al largo della Somalia.

«Il drammatico declino attacchi dei pirati è la prova evidente di anni di duro lavoro da parte delle Nazioni Unite, gli Stati membri, le organizzazioni internazionali e regionali, e gli attori del settore del trasporto marittimo», ha dichiarato Zerihoun. Allo stesso tempo, «La comunità internazionale deve continuare a sostenere gli sforzi della Somalia e degli Stati della regione per rafforzare le loro capacità di contrasto marittimo e rafforzare lo stato di diritto». Zerihoun ha aggiunto che «le risorse del Fondo fiduciario sono sono stati in gran parte spesi ed è arrivato il momento per ricostituire il fondo di colmare le lacune critiche nella lotta contro la pirateria».

I cinque progetti approvati dall’ONU del valore di 2 milioni di dollari, hanno lo scopo di tutelare i diritti alle persone sospettate di pirateria e che il contrasto avvenga a tale reato avvenga in modo efficiente. I finanziamenti serviranno anche a facilitare il rimpatrio dalle Maldive alla Somalia di detenuti sospettati di pirateria, oltre a sostenere economicamente le prigioni keniane che attualmente non soddisfano il requisiti sui diritti umani. I progetti serviranno anche a formare ad un lavoro “onesto” i pirati, con l’obiettivo di raggiungere un reddito, come per esempio trasformare la loro attività da briganti a pescatori.

E ancora i fondi saranno utilizzati per scoraggiare il coinvolgimento in atti di pirateria degli ex detenuti e per contribuire allo sviluppo economico delle loro comunità. Questi progetti forniranno dati biometrici basati su sistemi di database di pescatori per supportare il monitoraggio e la sorveglianza delle risorse della pesca, fornendo informazioni importanti per le forze anti-pirateria. Inoltre potrà essere fornito alle autorità un aiuto per controllare i flussi finanziari illeciti dalla pirateria. Il Consiglio del Fondo fiduciario delle Nazioni Unite per la lotta alla pirateria comprende 10 Stati membri – Germania, Italia, Kenya, Repubblica di Corea, Norvegia, Qatar, Seychelles, Somalia, Turchia e Regno Unito – e tre gli enti senza diritto di voto, l’Organizzazione marittima internazionale (IMO), l’Ufficio delle Nazioni Unite contro la Droga e il Crimine (UNODC), e l’Ufficio politico delle Nazioni Unite per la Somalia (UNPOS).

Dalla sua istituzione nel gennaio 2010, il Fondo fiduciario ha ricevuto circa 17 milioni di dollari contributi degli Stati membri e dall’industria marittima. è approvato il finanziamento di 31 progetti, del valore di circa 16 milioni di dollari, oltre a 700 mila dollari per soddisfare le esigenze a breve termine relativi a spese impreviste. Il Fondo si propone di contribuire a coprire le spese connesse con la messa in accusa dei presunti pirati e altre attività intraprese nella lotta contro la pirateria.