L’Oman rivede i sussidi sui carburanti

37

OMAN – Mascate. 20/03/14. L’avanzo di bilancio del governo dell’Oman si è ridotto a OR 269.7 milioni (700,5 milioni dollari) nel mese di gennaio rispetto a OR 417.9 milioni, di un anno fa, a causa di una maggiore spesa e di minor entrate dalla vendita del petrolio. Fonte governo Oman.

Gli analisti interpellati da Reuters nel mese di gennaio hanno previsto che l’esportatore di petrolio non – OPEC dovrebbe pubblicare un avanzo di bilancio del 2,9 per cento del PIL nel 2014.
Il mese scorso, in una relazione della banca centrale dell’Oman, il regno si dichiara pronto a iniziare a vendere le attività estere o immettere debito sui mercati internazionali nei prossimi anni, se la spesa pubblica dovesse aumentare durante in un periodo di bassi prezzi del petrolio e della crescita economica .
«Il sultanato deve scegliere l’opzione migliore nei prossimi anni in previsione di una diminuzione del PIL (prodotto interno lordo), variazione dei tassi di crescita, e l’aumento della spesa», si legge sulla testata Al Markazi, pubblicazione bancaria ed economica.
Nel mese di gennaio è stato riferito che l’Oman è l’ultimo stato del Golfo a rivedere il suo schema di sussidio del combustibile in previsione di un recupero del deficit di bilancio.
Secondo i dati ufficiali, la sovvenzione per i prodotti petroliferi, principalmente benzina e diesel, prevede di raggiungere OR860m ($ 2.23bn) nel bilancio 2014, contro i OR740m scorso anno.
Il Ministro degli Affari finanziari Darwish bin Ismail Al Balushi ha dichiarato: «Il governo prenderà una decisione una volta che gli studi in merito, che considerrano tutti gli aspetti della questione saranno completi».