Gas iraniano per Muscat

51

EMIRATI ARABI UNITI – Dubai 22/04/2015. Il presidente della BP Middle East, Michael Townsend, ha annunciato l’inizio della produzione di gas naturale dal giacimento Khazzan in Oman entro il 2017 a un tasso di 1 miliardo di metri cubi al giorno.

Come riporta l’agenzia BEdigest, Townshend ha detto in conferenza stampa che BP prevede di perforare 20 pozzi nel 2015 e di perforarne altri 50 in un paio di anni; l’investimento totale nella prima fase sarà di 16 miliardi di dollari.

L’annuncio di BP è venuto proprio mentre Oman e Iran sono in disaccordo sulla gasdotto sottomarino, con cui si intende esportare 10 miliardi di metri cubi all’anno di gas iraniano in Oman.

L’Iran ha siglato un accordo con l’Oman nel marzo 2014 per esportare 30 milioni di metri cubi al giorno di gas naturale. L’obiettivo era quello di terminare l’operazione in tre anni, o in contemporanea con l’operatività di Khazzan; Oman e Iran, però, devono ancora concordare il percorso di un 260 km di condotte sottomarine per portare il gas iraniano in Oman, come ha detto il ministro omanita del Petrolio e del Gas, Mohammed Al Rumhy.

Fino ad ora, l’Oman non ha avuto alcun problema grave legato ad una eventuale carenza di gas, ma l’alto tasso di crescita dei consumi (5,5 miliardi di metri cubi nel 2002; 31 miliardi di metri cubi nel 2013) potrebbe mettere in pericolo la sicurezza energetica del Paese nei prossimi anni.