NUOVA ZELANDA. Non esiste un registro dei crimini d’odio. Allarme lanciato da anni

34

A differenza di molti paesi occidentali tra cui il Regno Unito e gli Stati Uniti, il governo neozelandese non tiene un registro completo dei crimini d’odio, non dando seguito alle richieste locali e internazionali da più di un decennio. «Per molti anni il nostro punto di vista è sempre stato quello di dare priorità a questo aspetto e di attuarlo con urgenza», ha detto Janet Anderson-Bidois, consigliere giuridico capo della Commissione per i diritti umani, l’agenzia governativa indipendente incaricata di proteggere i diritti umani, ripresa da Reuters.

Sulla scia delle peggiori sparatorie di massa della Nuova Zelanda, ci si chiede quali sono i segnali che le agenzie di sicurezza hanno mancato e dove si sarebbero dovute stanziare risorse per proteggere le comunità. Il primo ministro Jacinda Ardern ha ordinato la creazione di una commissione di inchiesta sull’attacco di Christchurch.

Secondo la Federation of Islamic Associations of New Zealand, ci sono prove secondo cui negli ultimi anni c’è stato un aumento del comportamento anti-musulmano. Joris De Bres, commissario neozelandese per le relazioni razziali tra il 2002 e il 2013, si è detto allarmato per i segnali di una ripresa delle minacce contro i musulmani quando ha assunto il ruolo subito dopo gli attacchi dell’11 settembre negli Stati Uniti. De Bres ha dichiarato di aver ripetutamente chiesto al governo e alla polizia di creare un sistema centrale per registrare i dettagli dei crimini motivati dall’odio e dal razzismo. Ha sollevato la questione con il Comitato delle Nazioni Unite per l’eliminazione della discriminazione razziale, che nella sua revisione del 2007 della Nuova Zelanda ha detto che la mancanza di registri era una preoccupazione, e aveva chiesto al governo di raccogliere dati sulle denunce di crimini a sfondo razziale. Nel suo ultimo rapporto sulla Nuova Zelanda nel 2017, il comitato delle Nazioni Unite ha ripetuto le sue preoccupazioni e richieste e ha chiesto al governo di fornire i dati per il suo prossimo rapporto in via prioritaria.

Quando l’attuale ministro della giustizia e dei servizi di intelligence Andrew Little si è insediato alla fine del 2017, la Commissione per i diritti umani ha detto che nel loro prossimo briefing il paese aveva bisogno di un sistema centrale per registrare i dettagli sui crimini motivati dall’odio e dal razzismo e che le misure attualmente adottate dalla polizia sono insufficienti.

La Nuova Zelanda non ha avuto precedenti attacchi di massa estremisti, a differenza della vicina Australia, ma i membri della società civile dicono che il razzismo è sempre esistito e potrebbe essersi intensificato. Dal 2002, una legge ha specificato che i giudici dovrebbero tenere conto dell’ostilità nei confronti di un gruppo di persone con una “caratteristica comune”, come la razza o la religione, al momento della sentenza.

Tommaso dal Passo