Nucleare iraniano: si parte con nuove proposte

46

IRAN -Teheran 14/10/2013. Il Ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif presenterà una nuova proposta nucleare al gruppo P5 +1 durante il primo giorno dei negoziati, che inizierà il 15 ottobre a Ginevra.

A dare la notizia il vice ministro degli Esteri iraniano Abbas Araqchi alla tv di Stato Irinn, il 14 ottobre. La proposta dell’Iran è logica, equilibrata e realistica, ha detto Araqchi, aggiungendo che non ci dovrebbero essere motivi ostativi per rifiutarla a priori. Commentando l’ultima offerta del gruppo P5 +1 durante la riunione di Almaty, Araqchi aveva detto «è scaduta». Ha anche detto che la sospensione dell’arricchimento dell’uranio è una linea rossa per l’Iran, così come l’uscita di uranio arricchito dal paese.

L’obiettivo finale di Teheran durante i negoziati con il P5 +1 è riportare il caso nucleare iraniano dalla competenza del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite all’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea), ha poi aggiunto Araqchi.
Il vice Ministro ha anche sottolineato che l’Iran possa discutere sul piano, sul volume e sulle modalità dell’arricchimento con il P5 +1. Il blocco diplomatico internazionale che sta negoziando con Teheran, noto come il gruppo P5 +1, comprende i cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, più la Germania, ultimo paese che si è incontrato con l’Iran ai primi di aprile, due mesi prima della vittoria elettorale del presidente Hassan Rouhani. Il P5 +1 ha offerto al momento di porre la fine delle sanzioni sulle esportazioni petrolchimiche iraniane e sui metalli preziosi in cambio della sospensione da parte di Teheran della produzione del 20 per cento dell’uranio arricchito e di cessare le attività nel sito di Qom. Araqchi ha anche sottolineato che l’Iran è pronto a negoziati bilaterali con il P5 +1 a latere dei negoziati, aggiungendo che si tratta di una prassi consolidata e che l’Iran ha tenuto diversi negoziati bilaterali con i membri del P5 +1 in passato. 

In precedenza il 26 settembre scorso, Zarif, a margine dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, si è incontrato con il Segretario di Stato americano, John Kerry, così come con rappresentanti di Gran Bretagna, Francia, Russia, Cina e Germania in una sessione volta a far ripartire gli sforzi per risolvere un decennio di stallo sulle ambizioni nucleari dell’Iran. Araqchi, infine, ha anche sottolineato che l’Iran è pronto a discutere su altre questioni, tra cui temi regionali e internazionali, qualora anche le altre parti si dichiarassero interessate.