Nucleare: cooperazione Cina-Francia

50

CINA – Pechino. 08/12/13. La Cina e la Francia hanno promesso di continuare la cooperazione nel settore nucleare. Puntando ai mercati di altri paesi di destinazione.

 

«Abbiamo deciso di sfruttare congiuntamente i mercati dell’energia nucleare terze parti. La Cina spera che i due Paesi possano trovare ampio spazio nei mercati», ha detto il premier cinese Li Keqiang rispondendo ai giornalisti.
Egli ha invitato i due paesi a sviluppare una più equa partnership di cooperazione nucleare, e, allo stesso tempo, alla ricerca congiunta e sviluppo di nuovi tipi di reattori e rafforzare lo scambio di esperienze. Egli ha detto di sperare la Francia trasferisca più la tecnologia alla Cina. La cooperazione energetica nucleare tra la Cina e la Francia risale alla creazione della centrale nucleare di Daya Bay nei primi anni 1990 nel sud della Cina nella provincia del Guangdong. Ha due 1.000 MW reattori ad acqua pressurizzata introdotte dalla Francia.

Tra i settori in cui i due Paesi coopereranno vi è quello dell’aeronautica, commercio, investimenti, finanza, cibo, prodotti agricoli, salute, produzione automobilistica e lo sviluppo sostenibile.

Li ha invitato i due paesi per avanzare attivamente i negoziati su un progetto di seconda fase di un impianto di assemblaggio finale di Airbus nel comune di Tianjin, rafforzare la ricerca congiunta e produzione di grandi aerei commerciali ed elicotteri civili e continuare a portare avanti progetti di cooperazione satellitari.