NSG: Bielorussia e Kazakistan appoggiano il Pakistan

19

PAKISTAN – Islamabad 06/09/2016. L’assistente del primo Ministro pakistano incaricato per gli Affari esteri, Tariq Fatemi, ha annunciato il 6 settembre che Bielorussia e Kazakistan hanno assicurato di appoggiare la richiesta del Pakistan di aderire al Nuclear Suppliers Group, il gruppo dei fornitori nucleari (Nsg).

L’annuncio è stato dato su Radio Pakistan. Fatemi, in un’intervista rilasciata all’emittente e riprese da Dawn, ha detto che il Pakistan sta espandendo le sue relazioni con diversi paesi tra cui la Russia e gli Stati dell’Asia centrale. Inoltre il presidente della Bielorussia dovrebbe essere in Pakistan il mese prossimo propio per lo stesso argomento; Fatemi ha anche detto che il Pakistan ha cercato il sostegno del Belgio per l’adesione al Nsg del Pakistan. La richiesta del Pakistan, riporta Dawn, si basa sull’esperienza tecnica, la capacità e l’impegno per la sicurezza nucleare dimostrata da decenni. La Cina sta guidando l’opposizione all’entrata dell’India, sponsorizzata dagli Usa nel gruppo dei paesi che controllano l’accesso alla tecnologia nucleare sensibile. Altri paesi si oppongono all’India nel Nsg, come Nuova Zelanda, Irlanda, Turchia, Sud Africa e Austria.
Il Nsg composto da 48 paesi ha lo scopo di impedire la proliferazione di armi nucleari, limitando la vendita di strumenti che possono essere usati per fare armi nucleari. India gode già la maggior parte dei benefici di appartenenza in esenzione 2008 ad regole dell’NSG concessi per sostenere il suo accordo di cooperazione nucleare con Washington, anche se l’India ha sviluppato armi atomiche e mai firmato la non proliferazione nucleare (TNP), le principali armi a livello mondiale patto di controllo.
Chi si oppone all’entrata afferma che un allagamento delle adesioni avrebbe ulteriormente minato gli sforzi per prevenire la proliferazione. Islamabad, che ha risposto alla richiesta indiana presentando la sua candidatura, ha nel gruppo l’appoggio del suo alleato, la Cina.
Pur avendo ricevuto la lettera di appoggio alla candidatura indiana, firmata da John Kerry, la Cina, tuttavia, non intende ritirare la sua opposizione all’India, a meno che il Pakistan non diventi anch’esso un membro. La maggior parte dei membri si oppone all’idea di ammettere uno stato non firmatario del Tnp, come l’India, e sostengono che l’ammissione debba essere regolata attraverso criteri applicabili allo stesso modo a tutti gli stati, piuttosto che con una soluzione “su misura”, per un alleato degli Stati Uniti.