Nsa – Brasile: le scuse di Obama

44

BRASILE – Brasilia 08/09/2013. Il presidente brasiliano Dilma Rousseff ha detto il 6 settembre che il presidente Barack Obama si è assunto la responsabilità di quanto fatto dal Nsa e che la Roussef potrà procedere con la prevista visita a Washington in ottobre.

Rousseff, in conferenza stampa dopo un faccia a faccia con Obama a margine del G20 di San Pietroburgo, ha detto che il presidente degli Stati Uniti ha accettato di rispondere formalmente alle accuse di spionaggio entro il prossimo 11 settembre.

«Il mio viaggio a Washington dipende dalle condizioni politiche create dal Presidente Obama», ha detto Rousseff in un tweet della presidenza brasiliana.

Obama ha promesso di dare al governo brasiliano una risposta sulla sua richiesta di spiegazioni sul caso Snowden, ha detto Rousseff prima di lasciare la Russia. Obama si è assunto la responsabilità e ha promesso che avrebbe indagato su quanto successo. La visita negli Stati Uniti prevedeva la discussione di un possibile affare da 4 miliardi di dollari per l’acquisto di jet, cooperazione in materia di petrolio e la tecnologia bio-combustibile, nonché altri accordi commerciali.