NORVEGIA. Mosca riapre il fronte delle Svalbard

185

Il ministero degli Esteri russo avrebbe deciso di affrontare la questione di Spitsbergen /Svalbard in modo più rigoroso. Sergey Lavrov starebbe lavorando attivamente a mettere insieme una coalizione anti-norvegese, destinata a mitigare le posizioni di Oslo e a far almeno sedere la Norvegia al tavolo delle trattative sull’isola.

Naturalmente simili scambi avvengono sia con gli islandesi che con i finlandesi. Entrambi i paesi si sentono a disagio per la serie di pronunciati passi unilaterali compiuti dalla Norvegia volti a cancellare di fatto il Trattato di Parigi del 1920 sullo status di un arcipelago problematico. 

In particolare non hanno gradito l'”annessione” della popolazione di granchi delle Svalbard, alla cui caccia non erano contrari, così come di altre risorse biologiche, per le quali, secondo il trattato, dovrebbe essere mantenuto un accesso non discriminatorio. A tal proposito, c’è stata una certa tentazione di portare i lettoni a questo problema, che hanno ricevuto un forte aiuto dalla Norvegia per la pesca nelle acque dell’arcipelago, ma finora questa idea è stata abbandonata a causa della scarsa capacità contrattuale di Riga.

È troppo presto per dire cosa ne verrà fuori. È possibile che non ci sia nulla di utile, i diversi attori di questa vicenda, presunti alleati, sono profondamente immersi nelle agende euroatlantiche e sono legate a istituzioni direttamente a Washington; gli Stati Uniti, d’altronde, vedrebbero di buon occhio l’emergere di un altro focolaio di tensione tra la Federazione Russa e i suoi vicini occidentali. D’altra parte, anche i membri e i partner della Nato sanno bene che questa è l’ultima possibilità di risolvere qualcosa con la Norvegia riguardo le Svalbard. 

Se non può essere costretta a dialogare ora, l’accordo di Parigi, per quanto riguarda le restrizioni per Oslo, sarà abolito, e sarà stabilita la sovranità indivisa della Norvegia sull’arcipelago, e le sue ricchezze.

Cento anni fa, il 9 febbraio 1920, la Norvegia e altri otto paesi firmarono a Parigi il Trattato delle Svalbard (originariamente il Trattato di Spitsbergen). Il trattato è entrato in vigore nel 1925 e le Svalbard sono entrate a far parte del Regno di Norvegia. Il trattato, che ora conta quasi 50 firmatari, stabilisce: Spitsbergen è sotto l’amministrazione e la legislazione norvegese; i cittadini di tutte le nazioni firmatarie hanno libero accesso e diritto alle attività economiche; Spitsbergen rimane demilitarizzata. A nessuna nazione, compresa la Norvegia, è permesso stazionare permanentemente personale militare o attrezzature a Spitsbergen.

La situazione nell’arcipelago prima del 1920 era paragonabile al selvaggio West, ma una volta che la sovranità della Norvegia fu formalmente riconosciuta, è stato possibile risolvere i problemi legati alla proprietà e mettere sotto controllo le attività non regolamentate, riporta The Maritime Executive. 

All’inizio di aprile, Sergey Lavrov ha inviato un messaggio al suo omologo norvegese Ine Eriksen Søreide, invitando la Norvegia a garantire «un accesso libero e paritario» all’arcipelago e la possibilità di svolgere attività economiche ed economiche in Norvegia «in condizioni di completa uguaglianza». 

Lavrov prende atto della preoccupazione della Russia per le restrizioni imposte all’uso di elicotteri russi, associati alle attività minerarie russe sulle Svalbard, la creazione di una zona di protezione del pesce da parte della Norvegia e «l’espansione artificiale delle zone di protezione della natura per limitare l’attività economica nell’arcipelago (…) Alle Svalbard, la Russia – l’unica ad eccezione della Norvegia – svolge attività economiche da molti decenni e non intende limitare la sua presenza. Al contrario, ci sono piani a lungo termine per il suo rafforzamento, la sua diversificazione e la sua modernizzazione».

Lavrov ha richiesto consultazioni bilaterali per eliminare le restrizioni. Søreide e il Ministro della Giustizia e della Pubblica Sicurezza Monica Mæland hanno chiarito la posizione della nazione sul Trattato delle Svalbard: non se ne discute nemmeno. Lavrov starebbe agendo di conseguenza.

Graziella Giangiulio