Novembre 2013: bollente

59

STATI UNITI D’AMERICA -Washington 22/12/2013. Quello di novembre 2013 è stato il più caldo novembre da quando si sono iniziate a misurare scientificamente le temperature (1880): lo ha annunciato nel suo ultimo Rapporto suo clima il Noaa (National Oceanic and Atmosferic Administration).

Con una temperatura superficiale mariane terrestre, combinata, di Celsius 13.7 (56,6 gradi Fahrenheit), novembre 2013 è stato anche l’ 345esimo mese consecutivo, e il 37esimo novembre di fila, con una temperatura globale superiore alla media del XX secolo, si legge nello studio del Noaa. Sono state segnalate temperature mensili superiori alla media in quasi tutti i continenti di tutto il mondo, tra cui su gran parte dell’Europa e dell’Asia, sulle coste di Africa, America Centrale e Sud America, così come nell’Oceano Atlantico settentrionale e nel sud-ovest dell’Oceano Pacifico e dell’Oceano Indiano. La Russia ha vissuto il suo più caldo novembre dall’inizio delle rilevazioni meteorologiche nazionali iniziate nel 1891, e in alcune parti del paese, Siberia e isole artiche nel Mare di Kara, si sono registrate temperature oltre -10C (14F) superiori alla media mensile. Allo stesso tempo, le temperature più fredde della media sono state segnalate in alcune parti del Nord America, nel sud-est degli Stati Uniti, così come in Australia settentrionale e nel sud-ovest della Groenlandia; non sono state segnalate temperature record fredde. Sulla terra, la temperatura globale nel mese di novembre è stata la seconda più alta mai registrata per il mese (dopo il novembre 2010), 0,78 Celsius (2.57 Fahrenheit), al di sopra della media del XX secolo. Per gli oceani, la temperatura della superficie del mare di novembre è -17,26C (0.94F) gradi sopra la media del XX secolo. L’innevamento in tutto l’emisfero settentrionale ha raggiunto il suo più grande limite per novembre dal 2002: circa 710mila chilometri quadrati più grande rispetto alla media del periodo 1981-2010, poco più di 6,8 milioni di miglia quadrate.