Abuja riprende i pagamenti ai militanti

10

NIGERIA – Abuja 03/08/2016. Il governo della Nigeria ha ripreso i pagamenti in contanti per gli ex militanti nel delta del Niger.

La ripresa dei pagamenti, riporta Defence Web, è un tentativo di porre fine ad un’ondata un’ondata di attacchi dei militanti agli impianti petroliferi e di gas. A febbraio, la Nigeria aveva bloccato i pagamenti per gli ex militanti che avevano accettato con l’amnistia del 2009 di interrompere le azioni contro gli oleodotti in cambio di denaro. Il governo afferma di essersi incontrato con i militanti sospettati di essere dietro alla recente ondata di attacchi contro gli oleodotti che hanno ridotto la produzione di greggio della Nigeria. Ogni ex militante ha diritto a 65.000 naira (cioè 203,44 dollari) più ore di formazione lavoro. Ma il governo aveva inizialmente previsto di tagliare il condono dei due terzi e di limitare i pagamenti in contanti a causa della crisi. I militanti e i residenti che simpatizzano con loro chiedono che una quota maggiore della ricchezza petrolifera della Nigeria vada alla regione del Delta oramai impoverita. La vendita del greggio costituisce circa il 70% delle entrate del governo e gli attacchi hanno approfondito una crisi economica provocata dai bassi prezzi del petrolio a livello mondiale.