NIGERIA. Legalizzare le raffinerie illegali sul Delta

70

La Nigeria ha bisogno di offrire lavoro alle persone che traggono da vivere raffinando illegalmente il petrolio nel Delta del Niger per raggiungere la pace. Ha fatto questa proposta il vice presidente nigeriano Yemi Osinbajo.

Il governo ha tenuto una serie di colloqui con i militanti per porre fine agli attacchi contro gli oleodotti che riducono la produzione del paese da 700mila barili al giorno per diversi mesi l’anno scorso.

La repressione militare contro le raffinerie illegali nelle paludi del sud ha creato notevoli tensioni, riporta Defence Web.

«Il nostro approccio è che le raffinerie illegali devono diventare raffinerie modulari in modo che possano partecipare legalmente al processo di raffinazione», ha detto Osinbajo durante una visita nel Delta.
«Riconosciamo che i giovani devono essere adeguatamente coinvolti», ha detto, senza entrare nei dettagli.

Osinbajo ha anche detto che il governo avrebbe fatto più amnistie per gli ex militanti che hanno ceduto le armi nel 2009 in cambio di stipendi e formazione al lavoro.

La raffinazione illegale è una delle poche aziende fiorenti in una regione altrimenti desolata, visto che la benzina scarseggia in Nigeria a causa dello stato di abbandono delle raffinerie.

Le autorità avevano tagliato il bilancio per i pagamenti in contanti ai militanti per porre fine alla corruzione, ma poi hanno ripreso i pagamenti per fermare la ripresa degli attacchi contro gli oleodotti che paralizzano le entrate petrolifere dello stato.

«Dobbiamo dare più fondi per l’amnistia e per l’intervento sociale», ha detto il vicepresidente del paese che è sul delta del Niger per calmare le tensioni.

Militanti e residenti dicono di volere che una quota maggiore della ricchezza petrolifera della Nigeria vada alla regione oramai impoverita.

La vendita del greggio costituisce circa il 70% delle entrate del governo e gli attacchi hanno approfondito una crisi economica provocata da bassi prezzi del petrolio a livello mondiale. La Nigeria lo scorso ha prodotto tra gli 1,7 milioni di barili al giorno e 1,8 milioni di barili al giorno di greggio, in calo dai 2,2 milioni di barili al giorno, registrati all’inizio del 2016.

Antonio Albanese