Capacità nipponica per l’elettricità nigeriana

71

NIGERIA – Abuja 07/11/2013. Il governo nigeriano sta lavorando con il Giappone per affrontare il problema della distribuzione di energia elettrica nel paese, riportano i media locali il 6 novembre.

I due Paesi, attraverso i loro rappresentanti, hanno deciso di correggere le anomalie nelle infrastrutture della distribuzione in Nigeria dopo che una delegazione guidata dall’ambasciatore del Giappone in Nigeria, Ryuichi Shoji ha incontrato il ministro nigeriano dell’Energia Chinedu Nebo il 5 novembre a Abuja. Shoji ha detto al ministro nigeriano che il Giappone avrebbe fatto il possibile per formare i tecnici nigeriani del settore elettrico. Nebo, quindi, ha esortato il Giappone a partecipare all’iniziativa per l’elettrificazione rurale promossa dal governo, per permettere al paese di beneficiare di un prestito di 500 milioni di dollari da spendere per l’energia rinnovabile nei prossimi cinque anni. Ha poi ringraziato il Giappone per aver scontato alla Nigeria 15 milioni di dollari per la costruzione della stazione di distribuzione elettrica di Katampe, invitando a prendere in considerazione altri progetti di simile capacità per contribuire a stabilizzare il settore energetico nigeriano. Al fine di migliorare la fornitura di energia elettrica nel paese, il governo nigeriano ha avviato una serie di riforme nel settore: la Nigeria produce 4.000 megawatt di energia elettrica, ma gli esperti dicono che il paese ha bisogno di almeno 10.000 MW per una fornitura ininterrotta di energia elettrica.