NIGERIA. Esplosa la meningite C

125

In Nigeria, il numero delle morti sospette per meningite ha raggiunto la cifra di 438 persone in Nigeria, come i funzionari dare il via una campagna di vaccinazione mirata a controllare l’epidemia.

Secondo una dichiarazione rilasciata dal Centro per il Controllo delle Malattie della Nigeria, Ncdc, 3959 casi sospetti sono stati segnalati nei focolai esplosi in 19 stati in tutto il paese, 181 dei quali sono confermati in laboratorio.

Il tipo corrente di epidemia di meningite C in Nigeria è una forma rara della malattia, mentre il paese ha avuto un focolai di meningite di tipo “più usuale” e che quindi sa come trattare. Il gruppo più colpito è quello dei bambini dai cinque ai 14 anni.

I funzionari del ministero della Sanità hanno iniziato una campagna di vaccinazione di massa, nello stato nord-orientale di Zamfara, il centro del focolaio; si tratta di una campagna che si rivolge a 500 mila persone di età compresa tra i 2 ed i 29 anni.

È previsto in questi giorni l’arrivo di una scorta aggiuntiva di 800 mila dosi dall’estero. La campagna di vaccinazione è stata implementata con la cooperazione dei leader tradizionali e dei diversi gruppi delle comunità che aiutano con la mobilitazione del pubblico.

All’inizio della settimana scorsa, la condizione dello stato di Zamfara è venuto allo scoperto perché il governatore Abdulaziz Yari ha  attribuito lo scoppio della malattia all’ira di Dio per i peccati dei nigeriani.

Questa è la peggiore epidemia di meningite in Nigeria da quella del 2009, che ha colpito più di 9000 persone e causato la morte di 562 persone.

La Nigeria si trova sulla cintura della meningite che si estende dalla regione del Sahel al Corno d’Africa.

Secondo il ministero della Sanità nigeriano, la stessa epidemia è stata segnalata in paesi confinanti come il Niger, il Ciad, Camerun, Togo e Burkina Faso.

Maddalena Ingrao