NIGERIA. COVID-19: lockdown per 4 milioni di abitanti

121

Il presidente nigeriano Muhammadu Buhari ha dichiarato l’isolamento totale della città più popolosa della Nigeria settentrionale, Kano, dopo la misteriosa morte di 640 persone nelle ultime due settimane. Le morti hanno sollevato il timore che la pandemia di coronavirus possa essersi diffusa molto più di quanto ci si aspettasse nella nazione più popolosa dell’Africa. 

Il governo dello Stato di Kano aveva all’inizio descritto la situazione come “grave”, ma aveva minimizzato i timori che le morti potessero essere dovute a Covid-19, dicendo che i decessi erano stati causati da complicazioni dovute a ipertensione, diabete, meningite e malaria acuta, non dalla pandemia. 

Ma l’ordine di blocco del presidente la sera del 27 aprile ha segnato una drammatica escalation della situazione. Il quotidiano nigeriano Vanguard è stato il primo a riportare i decessi sospetti:il quotidiano che oprata fonti mediche, afferma che in un importante ospedale della città di Kano molti dei deceduti di recente avevano mostrato sintomi di Covid-19 come febbre, tosse e difficoltà respiratorie; un impresario di pompe funebri di Kano ha poi detto che le agenzia funebri erano sopraffatte dal numero di cadaveri che dovevano seppellire e che non avevano un posto dove seppellire i nuovi cadaveri. 

Secondo quanto riferito, i medici non sono stati in grado di verificare che i decessi fossero dovuti al coronavirus o meno a causa della mancanza di kit di analisi. L’annuncio del presidente di un blocco della città fa seguito a pesanti critiche sia sui social media sia da parte del principale partito di opposizione del Paese, il partito Democratico Popolare, che hanno accusato il presidente di non prendere la questione sul serio.

La città di Kano, riporta il britannico The Telegraph, ha una popolazione di circa 4 milioni di abitanti e lo stato circostante ha 77 casi di coronavirus e tre decessi confermati. La Nigeria ha attualmente 1.337 casi confermati di coronavirus e almeno 40 decessi confermati. Tuttavia, il numero di casi potrebbe essere molto più alto di quello riportato, dato che il governo sta faticando ad effettuare i test. 

Maddalena Ingroia