NIGERIA. A Sochi si è rafforzato il rapporto Putin-Buhari

32

La Nigeria ha trovato un nuovo amico in Russia dopo il ritorno del presidente Buhari dal summit Russia-Africa a Sochi con un paniere di Memorandum of Understanding, Vladimir Putin.

Stando ad una analisi di Menas Associates, società di consulenza strategico-politica, apparsa sul quotidiano nigeriano The News Chronicle, il rapporto del presidente Muhammadu Buhari con Mosca è un modo per far sapere a Washington che la Nigeria ha una alternativa al rapporto con Washington.

Buhari è stato tuttavia, uno dei cinque capi di stato africani scelto per avere un incontro individuale con il presidente Vladimir Putin durante i tre giorni di riunione a Sochi. Anche se non può competere in termini di forza finanziaria, la Russia sta seguendo la Cina, che è diventata un attore dominante nel finanziamento delle infrastrutture africane: «I governi a corto di denaro contante avranno a cuore la concorrenza se metterà sul tavolo dei progetti infrastrutturali, come ha fatto la Nigeria firmando diversi MoU in settori che vanno dall’agricoltura alle ferrovie», ha detto Menas.

Sul fronte politico, entrambi i leader hanno chiesto la riforma del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite in modo che possano essere ammessi più membri. Buhari ha chiesto a Putin di sostenere la richiesta della Nigeria di diventare membro permanente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite non appena le riforme saranno state introdotte.

Nel complesso, l’incontro di Buhari con Putin sembra essere andato molto bene. Quando Buhari è tornato nel paese il 24 ottobre ha promesso che nuove energie saranno impiegate per ricostruire il rapporto di Abuja con Mosca e ricordando quanto quest’ultima fosse stata ricettiva all’indipendenza della Nigeria nel 1960.

Buhari ha invitato entrambi i paesi ad organizzare la quinta riunione della Commissione congiunta per rivedere e ratificare i circa 40 accordi in una Commissione congiunta intergovernativa Nigeria-Russia sulla cooperazione economica, scientifica e tecnica, firmata nel novembre 2016.

Secondo Menas: «Il governo di Buhari sta flirtando di fatto con tre diversi poteri: Cina, Stati Uniti e Russia. La Nigeria ha tratto notevoli benefici dalla Cina e, in una certa misura, dagli Stati Uniti che hanno sostenuto la lotta contro Boko Haram con l’addestramento dell’esercito e il supporto dei servizi segreti. Tuttavia, l’ultimo viaggio di Buhari negli Stati Uniti – come ospite speciale del presidente Donald Trump – non è andato bene con Trump che avrebbe descritto Buhari come “senza vita”, anche se questo giudizio è stato successivamente negato. Le loro relazioni bilaterali sembrano essersi raffreddate da allora e la nuova storia d’amore di Buhari con Mosca potrebbe essere un modo per far sapere a Washington che ha un’alternativa».

Anna Lotti