NIGER. Operativa Niger Base 201 ad Agadez, città snodo del traffico dei migranti 

70

La nuova base aerea costruita dagli Stati Uniti ad Agadez, in Niger, è ora pienamente operativa, con i primi voli di intelligence, sorveglianza e ricognizione senza equipaggio questa settimana, riporta VoA, citando fonti del Comando Africa degli Stati Uniti, Africom. 

«Stiamo lavorando con i nostri partner africani e internazionali per contrastare le minacce alla sicurezza in Africa occidentale. La costruzione di questa base dimostra il nostro investimento nei nostri partner africani e i reciproci interessi di sicurezza nella regione», ha detto il generale dell’esercito Stephen Townsend, il comandante Africom.

L’aeronautica degli Stati Uniti ha detto che l’aeroporto da 110 milioni di dollari è uno dei luoghi più difficili da cui opera l’esercito. L’impianto, chiamato Air Base 201, è stato completato all’inizio di quest’anno dopo diversi ritardi causati in parte dalle sfide di lavorare nel deserto.

«Direi che la costruzione della base aerea 201 sarà uno degli sforzi più erculei nella storia dell’aviazione militare degli Stati Uniti», aveva detto all’inizio di quest’anno il generale Michael Rawls, che comanda il 435th Air Force’s Air Expeditionary Wing in Africa.

Il Niger e i suoi vicini hanno combattuto e stanno combattendo diversi gruppi militanti islamici nella regione. L’esercito statunitense ha fatto volare droni dalla capitale del Niger, Niamey, ma ha allestito la nuova base ad Agadez per estendere la portata delle sue missioni di sorveglianza e ricognizione nell’instabile area del bacino del Lago Ciad in Camerun, Ciad, Niger e Nigeria, secondo la difesa statunitense.

La base di Agadez è controllata dalle forze nigerine, ma l’esercito statunitense ha diritti esclusivi su circa il 20% del perimetro di circa 15 km del complesso. La base ospita 800 soldati statunitensi, il più grande dispiegamento americano in Africa e un numero non divulgato di aerei statunitensi.

Le operazione sono iniziate il 1 novembre e nel comunicato si comprende che si tratta di missioni Isr sono «a sostegno delle nostre forze partner e degli sforzi internazionali per contrastare le organizzazioni estremiste violente nella regione». 

I lavori per la Niger Air Base 201 di Agadez sono iniziati nel 2016. La pista è in grado di supportare qualsiasi tipo di aeromobile fino a un C-17 Globemaster III. «La località di Agadez è stata scelta in collaborazione con il Niger per la flessibilità geografica e strategica che offre agli sforzi di sicurezza regionale», ha dichiarato il generale Usaf Jeff Harrigian, comandante, U.S. Air Forces in Europa e Air Forces Africa.

Il comunicato non ha specificato quali tipi di aerei avessero iniziato a compiere missioni Isr, ma la rivista Air Force Magazine ha detto che i droni Mq-9 Reaper dovrebbero iniziare a volare dalla base entro la fine di quest’anno.

Il governo del Niger ha recentemente dato agli Stati Uniti il permesso di armare i droni di stanza nel paese. I droni armati statunitensi volano già dalla base aerea 101 vicino alla capitale Niamey, circa 800 km a sud-ovest di Agadez.

Agadez è lo snodo della rotta libica del traffico di migranti diretti verso l’Unione Europea e in primis verso le coste italiane. 

Luigi Medici