Charlie Hebdo, vietata la vendita

56

NIGER – Niamey. 18/01/15. Il governo del Niger, come quello di: Senegal, Algeria, Marocco e Tunisia, ha deciso di vietare la diffusione di “Charlie Hebdo”, anche se il Presidente nigeriano Issoufou ha partecipato alla marcia repubblicana 11 gennaio a Parigi.

Il Presidente Issoufou del Niger Mouhamadou partecipato alla marcia repubblicana 11 gennaio a Parigi per sostenere Charlie Hebdo e condannare l’attacco terroristico contro il giornale satirico francese. Ma sulle sue istruzioni, il governo del Niger, Paese a maggioranza musulmana, ha vietato la distribuzione del giornale e «condanna fermamente la satira sul Profeta in un recente numero del settimanale satirico francese».

Secondo il testo letto alla radio e alla televisione di Stato per Marou Amadou, il ministro della Giustizia e portavoce del governo ha detto: «il governo denuncia con veemenza e condanna la vignetta del profeta Maometto, la pace e la salvezza per lui, contenuta del numero di Charlie Hebdo, settimanale, di Mercoledì 14 gennaio 2015, che considera una provocazione offensiva e totalmente inaccettabile. Il testo afferma inoltre che «su istruzioni del presidente, il governo ha deciso di vietare la pubblicazione e la vendita di questo giornale in tutto il territorio nazionale». Niamey cerca di giustificare la presenza del presidente  alla marcia repubblicana, come una posizione fortemente criticata da associazioni musulmane e le ONG locali. Per porre fine alle polemiche, il portavoce del governo ha insistito sul fatto che «la partecipazione ai proventi marcia del suo impegno contro il terrorismo e per la libertà e non implica alcun sostegno agli abusi che possono derivare da una concezione della libertà di stampa». «Allo stesso modo, Niamey giustifica anche la presenza del presidente Issoufou alla marcia per l’impegno della Francia contro il terrorismo nel Sahel. Anche in Senegal è stata vietata la diffusione del nuovo numero di Charlie Hebdo dopo forti critiche contro il presidente Macky Sall, che ha anche partecipato alla corsa repubblicana.