Boko Haram attacca ancora

63

NIGERIA – Kano 25/05/2015. Boko Haram ha ucciso 10 persone in un villaggio nel nord-est della Nigeria.

Riporta il quotidiano The Daily Star, che il governo locale di Madagali, nel nord dello stato di Adamawa, ha denunciato un attacco avvenuto la mattina del 22 maggio contro il villaggio di Pambula-Kwamda. Gli aggressori sono entrati in paese intorno alle 4:00 del mattino ora locale, mentre i residenti dormivano ancora e hanno usato dei machete per uccidere le proprie vittime. La notizia dell’attacco è arrivato solo il 25 maggio a causa della lontananza dalle vie di comunicazione del villaggio e dall’insicurezza che regna lungo le via di comunicazione. L’attacco di Boko Haram nello stato di Adamawa nord smentisce quanto detto dai parte dei militari nigeriani sulla sicurezza della regione che sarebbe stata ripulita da Boko Haram a marzo scorso.
Un certo numero di villaggi nella zona sono stati attaccati mentre le truppe tentano di stanare i ribelli dalla foresta di Sambisa la loro roccaforte, oltre il confine nella vicina regione di Borno. Nelle ultime settimane, i militari affermano di aver salvato centinaia di donne e bambini dalla foresta dopo che erano stati rapiti nei raid di Boko Haram. Il 24 maggio, ad esempio, 31 persone, la maggior parte dei quali bambini sotto i 12 anni liberati nei giorni precedenti, sono stati portati al campo di Malkohi, nei pressi della città nord-orientale di Yola, riporta il giornale. Sempre nella giornata del 25 maggio, le truppe governative hanno sventato un attacco contro Mafa, 50 km a est di Maiduguri, capitale della regione di Borno. Nell’operazione, circa 30 miliziani di Boko Haram sono stati uccisi e molti altri feriti, si legge in un comunicato dei militari nigeriani.