Zida: nazionalizza le imprese del clan Compaore

35

BURKINA FASO – Ouagadougou. 14/12/14. Il Primo Ministro del Burkina Faso, Zida Isaac, Sabato ha detto che ha nazionalizzato una società appartenente al clan dell’ex presidente Blaise Compaore, mostrando la volontà delle autorità provvisorie di lottare contro la corruzione, in occasione del 16 ° anniversario della omicidio del giornalista Norbert Zongo. Fonte Jeune Afrique.

«La nazionalizzazione continuerà su alcune società che tutti conosciamo. Il ministro abitazioni è stato incaricato di nominare un direttore generale della SOCOGIB» costruzione sociale e la gestione della proprietà del Burkina, ha detto il tenente Colonnello Zida, affrontando migliaia di manifestanti.
Fondata nel 1980 come parte di un vasto programma immobiliare, il SOCOGIB è stata venduta per “un franco simbolico” nel 90 alla Alizèta Ouedraogo, un clan intimo Compaoré. Adesso il governo provvisorio vuole invertire le parti. L’azienda era gestita da quella che in Burkina era soprannominata la “matrigna nazionale”, perché sua figlia era sposata con Salah François Compaoré, il fratello minore dell’ex presidente, la signora Ouedraogo in 27 anni di governo si è aggiudicata il titolo di donna più ricca e potente in Burkina Faso.
Alizèta Ouedraogo, ora rifugiato in Francia, incarna nepotismo come denunciato dalle manifestazioni che hanno rovesciato Blaise Compaoré, il 31 ottobre. François Compaoré è stato nel frattempo nominato “Piccolo presidente” per la presa che aveva sugli affari politici ed economici. E soprattutto è l’uomo su cui Norbert Zongo, giornalista, stava indagando quando il suo corpo carbonizzato è stato trovato con i resti di tre dei suoi compagni 13 dicembre 1998 in Sapouy, un centinaio di chilometri da Ouagadougou.