NATO. Ankara subirà le conseguenze dovute per gli S400

113

Il vertice militare della Nato ha minacciato “conseguenze necessarie” per la Turchia nel caso in cui il membro dell’Alleanza dovesse acquistare il sistema di difesa aerea russo S400.

Il generale ceco Petr Pavel (nel riquadro) , presidente del Comitato Militare della Nato, ha detto che mentre ogni nazione è libera di prendere le proprie decisioni in tema di difesa, l’acquisto pianificato della Turchia del sistema S-400 impedirebbe ad Ankara di far parte di qualsiasi sistema integrato di difesa aerea con gli alleati della Nato, e potrebbe portare ad altre restrizioni tecniche, riporta DefenceNews.

«Il principio di sovranità esiste ovviamente nell’acquisto di attrezzature per la difesa, ma allo stesso modo in cui le nazioni sono sovrane nel prendere le loro decisioni, esse sono sovrane anche nell’affrontare le conseguenze di tale decisione», ha detto Pavel. Nonostante la Turchia abbia annunciato la sua scelta di acquistare il sistema S-400 a settembre, Ankara non ha ancora firmato la documentazione finale dell’accordo, e fino a quando non lo farà, Pavel ha detto che è «giusto tra gli alleati avere una simile discussione, per sollevare tutte le preoccupazioni e le difficoltà potenziali».

Altre preoccupazioni sollevate da Pavel riguardo al sistema sono state focalizzate sulla “maggior parte della sicurezza”, osservando che anche se i sistemi di difesa missilistica della Nato non sono integrati con il sistema S-400, la sua semplice presenza «crea sfide per le risorse alleate potenzialmente dispiegate sul territorio di quel paese», in particolare la Turchia è sia una nazione partner che un hub di sostegno per il F-35 Joint Strike Fighter Program, che è centrale per la futura potenza aerea di diverse nazioni della Nato, tra cui gli Stati Uniti. Alcuni esperti hanno chiesto se un sistema S-400 attivo in Turchia potesse ottenere informazioni sui jet che potrebbero avere un impatto operativo lungo la linea.

Ancora, Pavel ha detto che la Turchia rimane una parte fondamentale della Nato, anche se esistono le preoccupazioni su una deriva autoritaria del governo del Presidente Recep Tayyip Erdogan «Quando si tratta di deficit democratici, non mi viene in mente un’unica nazione che sia perfetta. Nessuno è perfetto (…) Nessuno mette in discussione il ruolo della Turchia come importante alleato al difficile crocevia di sfide per l’Alleanza», ha detto Pavel.

Luigi Medici