NATO. A settembre scintille nel Baltico?

116

I comandanti militari occidentali si sono detti preoccupati dalle annunciate esercitazioni militari russe nel Baltico previste a settembre. Si teme, infatti, che un minimo errore potrebbe provocare una crisi, secondo Dow Jones Newswires. Le manovre russe, che coinvolgeranno circa 100000 uomini, si svolgeranno in contemporanea con le esercitazioni militari delle forze occidentali in Svezia.

Per la Nato, le manovre russe Zapad potrebbero scatenare tensioni simili a quelle emerse durante la Guerra Fredda, quando le esercitazioni erano viste con diffidenza da entrambe le parti perché considerate una potenziale copertura per un attacco a sorpresa.

Nuove truppe statunitensi Nato arriveranno in Polonia il 1° aprile, mentre truppe tedesche sono in Lituania e l’intera forza dovrebbe essere operativa entro l’estate.

La forza Nato è relativamente piccola, circa 4000 soldati, è stata però definita da Mosca come destabilizzante.

I paesi baltici hanno manifestato preoccupazioni per Zapad, che vengono condotti congiuntamente da Russia e Bielorussia; il presidente della Lituania ha detto che Zapad dimostra che Mosca si sta preparando per la guerra con l’Occidente.

L’Alleanza ha fatto notare che la Russia ha utilizzato delle esercitazioni militari per nascondere i preparativi per l’annessione della Crimea; e il timore di un errore di valutazioni che porti ad uno scontro è concreto.

Le forze della Nato hanno intenzione di evitare di tenere le manovre vicino al confine con la Russia durante l’esercitazione russa.

Settembre è il mese tradizionale per le esercitazioni militari e la Svezia, paese partner della Nato, sta progettando la sua più grande esercitazione militare in due decenni: le manovre svedesi coinvolgeranno più di una mezza dozzina di alleati della Nato e gli Stati Uniti.

Circa 19000 uomini saranno coinvolti nella difesa del territorio della Svezia, tra cui la Gotland Island, fondamentale per garantire l’accesso alleato agli Stati baltici.

I funzionari svedesi hanno dichiarato di essere a conoscenza dell’esercitazione Zapad e che utilizzeranno la massima cautela per garantire che non si verifichino errori.

Luigi Medici