Incomprensioni tra UNFC e Suu Kyi

11

MYANMAR – Naypyidaw 20/07/2016. Khu Oo Reh, segretario generale del United Nationalities Federal Council, Unfc, un raggruppamento di nove gruppi etnici armati, si è lamentato delle osservazioni fatte da Aung San Suu Kyi.

Secondo quanto riporta il Myanmar Times, il consigliere di Stato Suu Kyi avrebbe detto al leader Unfc (in apertura) che dovrebbero prendere in considerazione ciò che può essere offerto, piuttosto che quello che loro vogliono chiedere: «Si può chiedere tutto quello che piace. Ma, io non garantisco che ogni richiesta sarà soddisfatta (…) le persone dovrebbero prendere in considerazione ciò che può offrire la pace, piuttosto che quello che vogliono ottenere da essa».
Khu Oo Reh ha detto di non aver reagito con rabbia alle parole di Aung San Suu Kyi ma ha ricordato che le etnie rappresentate da Unfc hanno perso tutto e che quindi cosa veniva loro offerto «In questa situazione, cosa vogliono da noi? (…) Non ci sono richieste e offerte».
La dirigenza Unfc ha chiesto al governo di trovare modi per includere i rappresentanti dei gruppi etnici armati con i quali non si sono ancora tenuti colloqui separati. I negoziatori del governo hanno invitato i membri Unfc a partecipare alla revisione del quadro normativo prevista per la prima settimana di agosto. Tuttavia, solo il dialogo di pace dell’Unione comitato misto ha il potere decisionale di cambiare il quadro, che determinerà la forma del dialogo politico. «Poiché non eravamo presenti durante la stesura del quadro, dobbiamo chiedere come alcuni gruppi possano partecipare alla revisione del dialogo quadro, senza la firma di un cessate il fuoco a livello nazionale. Vorremmo anche sapere quale status sarà offerto ai gruppi», ha detto Khu Oo Reh. Il precedente governo aveva escluso dal dialogo i gruppi armati ancora impegnati in offensive e la loro inclusione nella prossima conferenza rimane una questione aperta.