ISIS uccide agente Mossad

55

STATO ISLAMICO – Raqqa. 10/03/15. Diffuso da Al Furqan Media Center l’esecuzione del presunto agente del Mossad Ismail Sa’Id Musallam.

Il ragazzo arrestato in Siria, secondo quanto racconta nella sua dichiarazione di “colpevolezza di spia del Mossad” è stato inviato via Turchia e scoperto dopo 15 giorni. L’esecuzione, terribile come tutte le altre ha “un format comunicativo” ripetuto, visto nell’uccisione dei due agenti russi FSB. Un adulto e un ragazzino, questa volta di nazionalità francese, ma il rgazzino non parla, che ucciddono la spia con diversi colpi sparti al prigioniero. La novità o meglio la brutalità questa volta sta nel fatto che il ragazzino spara frontalmente rispetto alla vittima che lo guarda mentre viene ucciso.