Comunità armena russa sotto pressione

51

RUSSIA- Mosca. 15/05/14. Continuano le pressioni di Mosca sui possibili influencer in Ucraina. Fonte IA REGNUM

Il presidente dell’Unione degli Armeni di Russia, Ara Abrahamyan, ha definito «incomprensibile» la lettera a lui indirizzata dal presidente della commissione della Duma di Stato per le associazioni pubbliche e organizzazioni religiose, membro del Partito Liberal Democratico Yaroslav Nilova di parlare in pubblico per «fermare l’orgia sanguinosa in Ucraina».  Secondo Nilova la richiesta nasce dal fatto che l’attuale capo de facto del Ministero dell’Interno dell’Ucraina. Arsen Avakov è di origine armena.

«Il fatto è che siamo stati avvicinati con una precisa richiesta di influenzare Avakov per organizzare le loro azioni o il loro lavoro e questo per noi è incomprensibile» ha detto a radio Libertà,  Abrahamian. Allo stesso tempo, ha definito gli eventi in Ucraina inaccettabili e ha espresso fiducia sul fatto che il conflitto debba essere risolto pacificamente, «Per noi è importante che la decisione di pacificazione sia raggiunta attraverso i negoziati. Ogni vittima è inaccettabile, indipendentemente dalla nazionalità. Sono un cittadino della Russia, e noi (armeni), naturalmente, siamo preoccupati per la sicurezza della Russia».

I media in precedenza hanno riferito che Nilova ha inviato lettere al presidente dell’Unione degli Armeni di Russia, Ara Abrahamyan, al Catholicos di tutti gli Armeni, Karekin II e a Novo-Nakhichevan e alle Diocesi della Chiesa Apostolica Armena (AAC), l’Arcivescovo Yezras a tutti ha chiesto di parlare di fare dichiarazioni pubbliche capaci di «fermare la sanguinosa orgia in Ucraina, portando solo le lacrime, il dolore, la distruzione e la morte».

CONDIVIDI
Articolo precedenteTokyo monitora il bitcoin
Articolo successivoKashagan e il Btc