Moldavia tra Nato e Russia

141

MOLDAVIA – Chisinau. 02/02/15. La «Moldavia si basa sul ruolo attivo dell’Ucraina nella soluzione del problema della Transnistria» ha detto al corrispondente di IA REGNUM il presidente moldavo Nicolae Timofti durante un ricevimento per il corpo diplomatico accreditato a Chisinau.

Il dialogo politico con l’Ucraina, la Moldavia, secondo Timofti si è notevolmente intensificato. «È un fattore importante per la cooperazione regionale e la sicurezza regionale. Tuttavia, vorrei esprimere il nostro profondo dolore preoccupazione per i drammatici sviluppi nelle regioni sud-orientali dell’Ucraina. Durante questo periodo di difficoltà per il popolo ucraino voglio esprimere, a nome dei Moldavi, ancora una volta la nostra solidarietà e il sostegno agli sforzi intrapresi con la partecipazione di partner internazionali al fine di trovare una soluzione politica e pacifica della crisi, senza interferenze esterne (come è successo con la “partecipazione di partner internazionali) ha detto Timofti senza specificare quali, «nel rispetto dei principi di sovranità e integrità territoriale dell’Ucraina» ha riferito il presidente della Moldavia. Per “integrità territoriale” dell’Ucraina, Chisinau comprende anche la Crimea russa e la Divisione di DNR e LC. Kiev da parte sua, riconosce “nell’integrità territoriale” della Moldavia anche la Transnistria.
Per il presidente moldavo la risoluzione del conflitto moldavo-transnistriano rimane un obiettivo prioritario per Chisinau. «I nostri sforzi sono volti a creare un ambiente favorevole per individuare i modi per una soluzione basata sul rispetto della sovranità e dell’integrità territoriale della Repubblica di Moldova. Una condizione indispensabile per questo processo dovrebbe essere il completamento del ritiro dal territorio della Repubblica di Moldavia di appartenenti alle truppe della Federazione Russa e ancora vi sono scorte di munizioni che non hanno ricevuto l’autorizzazione dello Stato ricevente (Moldavia), così come la trasformazione delle operazioni di mantenimento della pace nella zona di sicurezza dovrebbero essere portate avanti con un mandato internazionale. Solo così possiamo costruire un dialogo con i nostri connazionali che vivono in Transnistria in maniera democratica, come paese europeo, che garantirà la prosperità di tutti i cittadini, così come i diritti umani e le libertà fondamentali» ha aggiunto.
Timofti ha anche detto che Chisinau vuole approfondire la cooperazione con la NATO. «Abbiamo ritenuto che, nel contesto di una situazione internazionale sempre più complessa e interconnessa, è importante approfondire il dialogo politico e la cooperazione pratica con la NATO, concentrandosi sulla riforma e modernizzazione della difesa e della sicurezza nel paese. Così a marzo 2014 la Repubblica di Moldavia ha distaccato un contingente di 41 persone per l’operazione KFOR in Kosovo. Inoltre, in occasione del vertice NATO in Galles, il nostro paese ha aderito alla piattaforma per le iniziative di cooperazione e della NATO per rafforzare la capacità di difesa» ha detto il presidente moldavo.
Nella stessa dichiarazione Timofti ha espresso la speranza di «superare gli ostacoli artificialmente creati in alcuni settori della nostra collaborazione tradizionale con la Russia». «La Federazione russa è un importante partner politico e commerciale ed economica del nostro Paese», ha assicurato il leader moldavo.

FAQ IA REGNUM: Il Gruppo Operativo delle Forze russe (OGRF) e peacekeeper russi si trovano sul territorio della Transnistria moldava ai sensi degli articoli 2 e 4 dell’accordo sui principi di una soluzione pacifica del conflitto moldavo-transnistriano, firmato nel 1992 dai leader di Russia e Moldavia, in presenza del Presidente della Transnistria. Ai sensi dell’articolo 8 dell’accordo, può essere risolto da una “di comune accordo” o “in caso di lui una delle parti contraenti.” Inoltre, il 18 marzo 2009, a Mosca è stato firmato con dichiarazione congiunta dei Presidenti di Moldavia, Transnistria e Russia ha preso atto del ruolo di stabilizzazione della corrente nella zona della missione di peacekeeping russo e la fattibilità della sua trasformazione in una operazione di pace che garantisce sotto l’egida dell’OSCE solo dopo la soluzione definitiva del conflitto moldavo-transnistriano. Nonostante i tentativi di mettere in discussione e screditare il mandato della missione di peacekeeping russa in cui si chiede di ritirare le truppe russe dalla Transnistria il ritiro non è ancora stato annunciato. In questi accordi vanno citati quelli di Istambul 1999, la bilaterale russo-moldava all’inizio del 2001. Al momento, non ci sono armi di PMR, che sono regolati dal Trattato CFE. Inoltre, nel luglio 2007 la Federazione russa ha imposto una moratoria sul rispetto della CFE a causa del fatto che il trattato non è stato ratificato dagli stati membri della NATO.