Boom di divorzi in Arabia Saudita

85

ARABIA SAUDITA – Riad. 23/02/15. Allarme divorzi in Arabia Saudita, a quanto pare falliscono 4 matrimoni su 10. Il grido è stato pronunciato da un noto studioso islamico saudita che ha invitato il Golfo a copiare la Malesia e rinforzare corsi intensivi di  “Licenza matrimoniale” per le coppie, per cercare di invertire il costante aumento dei divorzi, che secondo lo studioso hanno raggiunto livelli allarmanti.

La proposta arriva appunto da Mohammed bin Awad Al Harthi, consigliere affari di famiglia e membro di una commissione di riconciliazione del matrimonio nella città occidentale di Taif, che ha detto tassi di divorzio in Arabia Saudita hanno raggiunto i loro massimo livello di quattro divorzi per ogni dieci matrimoni nel 2014. Lo ha riferito al giornale ‘Sabq’ secondo cui le coppie di sposi hanno motivato il divorzio asserendo di essersi sposati in modo affrettato.

«Dovremmo tutti sapere che i casi di divorzio in Arabia Saudita hanno raggiunto livelli allarmanti che stanno aumentando ogni anno» ha detto. «Quello che dobbiamo fare è copiare l’esperienza malese, che comporta l’organizzazione di una licenza di matrimonio e corsi intensivi per le coppie. Questi corsi sono stati introdotti in Malesia nel 2002, da allora i divorzi sono scesi al 32 per cento in Malesia. Nel 2004, il tasso è arrivato al sette per cento grazie a questi corsi». Al Harthi ha detto che il governo saudita dovrebbe introdurre tali corsi su base obbligatoria e collegare i contratti di matrimonio a un accordo della coppia di frequentare i corsi. «Crediamo che sia giunto il momento di copiare l’esperienza malese perché non c’è altra alternativa. Ciò contribuirà a diminuire il numero di divorzi. Come tutti sappiamo, le famiglie con forti legami e le relazioni sono i pilastri di una nazione forte e produttiva».

L’Arabia Saudita, il più grande esportatore di petrolio del mondo, ma anche gli altri paesi produttori di greggio del Golfo registrano alti tassi di divorzio. I dati ufficiali hanno mostrato c’erano più di 33.900 casi di divorzio in Arabia Saudita nel 2014, quasi il triplo in più rispetto al  2013. In un recente rapporto, lla testata saudita ‘Al Arabiya’ ha citato uno studio secondo cui una delle principali motivazioni del divorzio è il ‘Misyar’. Una clausola che fa sentire la prima moglie dell’uomo debole, non appena arriva la seconda moglie. «Il Misyar è un matrimonio temporaneo e per questo motivo i tassi di divorzio sono aumentati nel Regno» ha detto lo sceicco Mohammed Al Falaj, consulente per gli affari di famiglia. Un contratto Misyar è un contratto di matrimonio dove le coppie possono vivere separatamente, ma si riuniscono regolarmente, spesso per i rapporti sessuali. Anche se consentito in Arabia Saudita tra i sunniti, il Misyar non è popolare. Le donne perdono quasi tutti i loro diritti in un matrimonio Misyar e quasi l’80 per cento dei rapporti Misyar finiscono in un divorzio.