Peacekeepers MINUSCA accusati di supro

4
RDCONGO – Kinshasa. 06/09/15. L’Alto Commissario per i Diritti Umani delle Nazioni Unite, Ra’ad Zeid Al Hussein il 5 settembre ha richiamato Bangui a un più costante controllo sui gruppi armati che continuano a commettere crimini in molte località dell’Africa Centrale.
Un nuovo caso di Peacekeepers accusati di stupro in Africa centrale: la Repubblica Democratica del Congo ha pomesso azioni contro i soldati colpevoli. “Penso che aci sia bisogno di un approccio più severo e rigido contro questi gruppi armati, non possono farsi beffe dei diritti umani, ne fare quello che vogliono, quando vogliono”, ha detto Zeid Ra Ad Al Hussein, l’Alto Commissario per i Diritti Umani delle Nazioni Unite. “I leader più noti, hanno tanto sangue sulle loro mani, ma non sono né arrestati né perseguiti né condannati”.
Il funzionario delle Nazioni Unite ha chiesto il rafforzamento della missione delle Nazioni Unite in CAR (minusca). Per Ra’ad Zeid Al Hussein, ci sono “Stati che si sono impegnati ma non anno ancora fornito il numero di truppe promesse e polizia alle forze di mantenimento della pace delle Nazioni Unite o apparecchiature vitali, come elicotteri d’attacco, questi stati dovrebbero intensificare i loro sforzi perché ve ne è disperato bisogno”. Sempre secondo Al Hussein
“Il disarmo dovrebbe essere una priorità assoluta. Noti criminali e assassini devono essere portati davanti alla giustizia, indipendentemente dal gruppo di appartenenza. Perché questo avvenga, è necessario aumentare gli sforzi per creare una giustizia funzionante” ha aggiunto. A proposito di abusi sessuali commessi da forze di pace nella Repubblica Centrafricana, il rappresentante delle Nazioni Unite ha accusato gli Stati membri di non aver preso le misure sufficienti per ridurre radicalmente questi crimini, mantenendo i soldati nel loro ruolo. P. Onanga-Ayanga, il nuovo capo del minusca ha ricordato che ci sono stati ad oggi 14 casi di sfruttamento e abusi sessuali commessi, in base a accuse delle Nazioni Unite su otto bambini sotto 18.