Kirghizistan: minatori contro la polizia

61

KIRGHIZISTAN – Bishkek. 05/04/14. Sedate le rivolte nel nord del Kirghizistan, avvenuta il 3 aprile, che ha portato al ferimento di 19 poliziotti. Si dice «24.kg» , con riferimento al servizio stampa del Ministero dell’Interno.

Due agenti di polizia sono stati ricoverati in ospedale con gravi ferite. Per quanto riguarda i manifestanti, tra i quali, secondo il Ministero dell’Interno, nessuno è rimasto ferito.
L’agitazione è avvenuto nel distretto di Buckeye Ata Talas oblast. Il 3 aprile gli abitanti di alcuni villaggi hanno inscenato una protesta, opponendosi allo sviluppo delle miniere d’oro nell’area Shiraldzhin dove l’esplorazione è una società kazaka “Altyn Kumushtak Mining”. Secondo “Radio Azattyk” (servizio locale “Radio Liberty”), i manifestanti hanno sostenuto che lo sviluppo del campo porterà al deterioramento delle condizioni ambientali.
L’azione è stata la partecipazione di diverse centinaia di persone. Hanno espresso il loro richieste al capo del distretto, e poi, non soddisfatti della risposta, hanno bloccato la strada Taraz-Talas-Suusamyr. Fonte Agenzia K-News ha riferito che la maggior parte dei manifestanti erano ubriachi.
Gli agenti di polizia sono arrivati cercando di disperdere la folla. Di conseguenza, come riportato da “Evening Bishkek” , molti agenti di polizia «sono stati picchiati e sono fuggiti dal luogo percorrendo la strada». I rivoltosi hanno anche bruciato una macchina della polizia. Inoltre, i media hanno ottenuto informazioni che i manifestanti sono stati presi in ostaggio anche se il vice capo dell’inviato governo del distretto, lo hanegato .
Ieri la strada è rimasta chiusa. Accumulando circa 200 veicoli.
Nella regione di Talas per i colloqui con i manifestanti sono arrivati il vice primo ministro del Kirghizistan Abdyrakhman Mamataliev. L’agenzia di Stato sulla geologia, a sua volta, ha riferito che l’attività di “Altyn Kumushtak Mining”, che conduce l’esplorazione campo, verrà sospeso. L’agenzia ha riferito che la società stava lavorando legalmente.