MIGRANTI. UNHCR cerca luoghi sicuri per un milione e mezzo di persone

37

Più di 1,4 milioni di sfollati in oltre 60 paesi che ospitano i rifugiati avranno bisogno di essere reinsediati l’anno prossimo, ha dichiarato lunedì scorso l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, l’Unhcr in cerca di asilo. Secondo il rapporto Projected Global Resettlement Needs 2020 dell’UNHCR, le persone con le maggiori necessità includono i cittadini siriani (40 per cento), del Sud Sudan (14 per cento) e della Repubblica Democratica del Congo (11 per cento).

A livello globale, il fabbisogno di reinsediamento nel 2020 è destinato ad aumentare dell’1% rispetto al 2019, a causa dell’aumento degli spostamenti in Africa e nelle Americhe, che rappresentano rispettivamente il 6% e il 22%. Con 450000 persone, la regione dell’Africa orientale e del Corno d’Africa ha le maggiori esigenze di reinsediamento, il che riflette l’insicurezza in Sud Sudan, nonostante un accordo di pace del 2018, e la prolungata situazione dei rifugiati in Rdc, Africa centrale, Eritrea, Somalia e Sudan, secondo l’Unhcr. Seguono la Turchia (420000), che ospita 3,7 milioni di rifugiati, la regione del Medio Oriente e del Nord Africa (250000) e l’Africa centrale e la regione dei Grandi Laghi (quasi 165000).

Il reinsediamento comporta il trasferimento dei rifugiati da un paese di asilo ad un paese che ha accettato di accoglierli e di garantire loro un insediamento permanente. È considerato dall’Unhcr come uno strumento salvavita per garantire la protezione delle persone più a rischio o con esigenze specifiche che non possono essere affrontate nel paese in cui hanno cercato protezione.

Nel tentativo di fornire ai rifugiati più vulnerabili una nuova casa in un paese terzo – e in mezzo a un numero significativamente inferiore di opportunità di reinsediamento a livello globale negli ultimi due anni – l’Unhcr e i suoi partner hanno presentato la scorsa settimana un’iniziativa a sostegno del reinsediamento e di altre alternative legali per entrare nei paesi, come i percorsi familiari, lavorativi e di studio.

Entro la fine del 2028, l’obiettivo della strategia è quello di espandere le cosiddette “soluzioni di paesi terzi” per tre milioni di rifugiati, con un milione di reinsediamenti in 50 paesi e due milioni di persone che beneficiano di percorsi alternativi.

A dicembre si terrà a Ginevra un Global Refugee Forum, che l’Unhcr ritiene sia “un’opportunità critica per stimolare il sostegno attraverso impegni e impegni” da parte degli Stati e di altre parti interessate.

Redazione