MIGRANTI. Ankara ha arrestato 4195 migranti in una settimana

39

Sono almeno 4195 i migranti irregolari che sono stati trattenuti in tutta la Turchia nella settimana appena trascorsa, secondo secondo quanto riporta l’agenzia Anadolu citando fonti di sicurezza. Ben 1865 immigrati irregolari sono stati catturati in molteplici operazioni effettuate dalle forze di gendarmeria nella provincia di Edirne nord-occidentale, che confina con Grecia e Bulgaria.

Nelle province nordoccidentali di Kirklareli e Tekirdag, un totale di 141 immigrati irregolari sono stati trattenuti dalle forze di gendarmeria nella scorsa settimana. Nelle province costiere di Canakkale, Balikesir, Aydin, Izmir e Mugla, la guardia costiera e la gendarmeria hanno radunato un totale di 1621 migranti che cercavano di attraversare il Mar Egeo per raggiungere l’Europa attraverso la Grecia.

Durante la settimana sono state arrestate 55 persone per presunto contrabbando di esseri umani. Nella provincia orientale di Van, che confina con l’Iran, un totale di 530 migranti sono stati trattenuti dalla gendarmeria e dalle forze di confine. Una ventina di migranti sono stati trattenuti anche dalla polizia di Istanbul.

Nella provincia centrale dell’Anatolia centrale di Sivas, le forze della gendarmeria hanno trattenuto 15 migranti. Separatamente, tre migranti sono stati trattenuti dalle forze di sicurezza nella provincia meridionale di Osmaniye.

Tra i migranti vi erano cittadini pakistani, marocchini, siriani, iracheni, afghani, egiziani e bengalesi. Tutti quelli arrestati durante la settimana sono stati portati in ospedale per cure mediche o trasferiti negli uffici provinciali per la migrazione.

Nel 2018, secondo il ministero dell’Interno turco, in Turchia sono stati trattenuti circa 268000 immigrati irregolari. La Turchia è stato un punto di transito fondamentale per i migranti irregolari che intendono attraversare l’Europa per iniziare una nuova vita, soprattutto per coloro che fuggono dalla guerra e dalle persecuzioni.

L’Ue ha trasferito 801 persone in Turchia nel 2016, e oltre la metà delle deportazioni è avvenuta entro due mesi dall’accordo migratorio di marzo tra l’Ue e la Turchia, come riportato domenica dal settimanale tedesco Welt am Sonntag. Citando un documento della Commissione Europea, sono 2672 i siriani arrivati legalmente nell’UE, con oltre 1000 reinsediate in Germania.

L’accordo multimiliardario dello scorso anno chiede ad Ankara di fermare il flusso di persone che cercano di raggiungere l’Europa dalla Turchia e permette anche all’Ue di rimandare indietro i migranti che entrano nel blocco dei 28 membri dalla Turchia, stabilendo condizioni speciali per i siriani. Per ogni siriano che non riceve asilo nell’Ue, l’Ue accetta di far volare un siriano controllato in un paese europeo, riporta Dw.

L’accordo è stato oggetto di pesanti critiche in quanto alcuni in Europa mettono in discussione la qualità delle condizioni di vita dei rifugiati in Turchia. L’accordo e la chiusura delle frontiere sulla rotta balcanica sono riusciti a ridurre l’afflusso di migranti. Eppure, aggiunge il giornale, nel corso del 2016, oltre 320.000 persone hanno chiesto asilo solo in Germania. Inoltre, l’agenzia europea per la protezione delle frontiere Frontex ha notato un forte aumento del numero di ingressi illegali dal Nord Africa.

Lucia Giannini