Diminuire l’obesità con una tassa

7

MESSICO – Città del Messico 14/01/2016. Il consumo messicano di bevande zuccherate è sceso del 12 per cento dopo l’istituzione nel 2014 di una tassa del 10 per cento sulla soda, secondo uno studio congiunto dell’Instituto nacional de salud publica, Insp, e la University of North Carolina.

I risultati del primo studio sull’impatto della nuova imposta sono stati pubblicati nel British Medical Journal.
Anche se l’acquisto di bevande zuccherate è sceso del 12 per cento, il consumo di bevande non soggette al nuovo prelievo fiscale è aumentato in media del 4 per cento, un fattore che indicherebbe la sostituzione delle bevande zuccherate con quelle più salutari, afferma l’Insp. Una ricerca correlata ha poi scoperto che un calo costante del consumo di bevande zuccherate porterebbe a una riduzione dei 183mila casi registrati di obesità tra gli adulti messicani e che entro il 2030, il numero di persone affette da diabete potrebbe scendere di 400mila unità. Circa il 71,3 per cento degli adulti e il 30 per cento dei bambini in Messico sono obesi o in sovrappeso, mentre nove su 100 messicani sono diabetici.