LIste elettorali craccate in Messico

9

MESSICO — Città del Messico 24/04/2016. L’Instituto Nacional Electoral messicano, ha presentato una denuncia penale il 22 aprile per la comparsa su un server cloud di Amazon di un database con le informazioni personali dei 93,4 milioni di elettori del paese.

Il database comprende una serie di dettagli per ogni elettore registrato, compreso l’indirizzo, il numero del documento di riconoscimento, la data di nascita, la professione e il nome dei genitori. Le autorità messicane sono state messe al corrente della violazione da parte di un ricercatore Usa, riporta Laht. Secondo la legge messicana i dati sono strettamente confidenziali, la loro violazione prevede un massimo di pena fino a 12 anni di carcere. Il Commissario messicano per le elezioni ha confermato che il database è autentico. I dati vengono ora sono stati posti in salvo, ma la vera domanda è sapere chi altri ha avuto accesso a queste informazioni sensibili, tanto da metterle su un server Amazon Cloud.