Messico crescita all’1,7%

69

MESSICO – Città del Messico. 01/11/13. Il Ministero delle finanze e del credito pubblico (SHCP) garantisce che la crescita economica del Messico sarà dell’1,7 per cento quest’anno, la situazione dopo un iniziale rallentamento si è normalizzata, grazie anche a una razionalizzazioen della spesa pubblica.

Il capo del Dipartimento per la Pianificazione Economica del Ministero del Tesoro, Ernesto Revilla, ha detto che dopo una crescita dell’1 per cento nel terzo trimestre dell’anno, «stiamo assistendo a un buon andamento economico, sostenuto da un andamento più dinamico nel settore delle esportazioni e produzione».
Non solo, secondo Revilla, il rallentamento osservato nel primo semestre dell’anno è stato transitorio e gli effetti si stanno dissipando, e lo sviluppo economico sta vivendo una ripresa positiva. Tuttavia, ha riconosciuto che «questa è insufficiente per il potenziale dell’economia messicana», ma il Messico è sulla buon strada per il successo nel secondo trimestre del 2013.
Ha spiegato, inoltre, che è possibile puntare alla crescita dell’1,7 per cento nel quarto trimestre. Tra i settori trainanti c’è il manifatturiero e in particolare ha sostenuto i conti dello stato la standardizzazione della spesa pubblica. A questo proposito, ha detto, il funzionario: «La spesa pubblica che è in programma per sostenere la ripresa economica rimarrà tale per il resto dell’anno. Le agenzie hanno utilizzato il 99,5 per cento delle risorse messe a disposizione, i finanziamenti sono stati per i materiali che hanno a che fare con problemi di alloggio e istruzione, così come gli investimenti di Petroleos Mexicanos (Pemex) e la Commissione federale dell’energia elettrica (CFE)».

Pertanto, «il Ministero delle Finanze mantiene la sua stima di crescita al 1,7 per cento e ci sono elementi per sostenere la stima di crescita». Il Ministero delle Finanze ha riconosciuto che gran parte della accelerazione della crescita dell’economia messicana è dovuto alla crescita negli Stati Uniti, ma «non è l’unico fattore», perché ci sono stati altri importanti elementi determinanti interni come la standardizzazione della spesa pubblica, esportazioni e produzione. «Certamente per un’economia come quella messicana, le prestazioni degli Stati Uniti (le rimesse in entrata e uscita) sono essenziali», ha detto, Revilla. Prevista anche una crescita dei consumi. E una crescita del costo del danaro.