In Messico si muore per difendere l’Ambiente

49

MESSICO – Città del Messico. 04/11/13. Messico, insieme a Brasile, Cambogia, Guatemala e Perù sono i paesi in cui il numero di minacce e attacchi contro i difensori della legge nel settore ambientale sono più alte. A riferirlo la relazione dell’ONU. Un terzo degli attacchi documentati dal relatore speciale dell’ONU parlano di omicidi o tentati omicidi e riguardano il Messico.

Il Centro Messicano di Diritto Ambientale (CEMDA), insieme con la Commissione messicana per la difesa e la promozione dei diritti umani, da anni denunciano e passano le informazioni al relatore speciale per la gravità dei rischi che questo tipo di difensori dei diritti umani può portare in questa area dell’America Latina. Nonostante questo nulla cambia in Messico.

Secondo i dati del CEMDA in Messico sono state documentati tra il 2009 e il 2012, più di 50 casi di attacchi contro i difensori dei diritti ambientali, in 17 stati del paese. La maggior parte dei casi sono legati a progetti di sviluppo di data mining (15) e forestali (12). Altri casi riguardano il settore turistico (3 ) immobili (2) infrastrutture ( 5 ), idroelettrico (7) , ed Energetica (7).

Al Riguardo sono stati condannati gli atti di violenza e sono stati implementati i meccanismi di protezione degli Stati Interni, ma a quanto pare non basta per difendere l’ambiente e le persone che cercano di salvaguardarlo. La polizia si limita a prendere visione dei reati non ha gli strumenti per opporsi alla nascita di mega strutture, non può difendere il territorio e le risorse naturali.

La relazione del relatore speciale, diffusa il 30 ottobre, comprende una serie di raccomandazioni per garantire che i progetti a forte impatto ambientale vengano bloccati. Anche perché oltre a danneggiare l’ambiente, ledono anche i diritti umani, tra cui la necessità di procedere a consultazioni libere, preventivare e informare tutte le comunità interessate, rispettando la scelta di chi vive su quei territori. Anche sollecitare gli Stati membri ad attuare efficacemente le misure di protezione adeguate per garantire che i diritti umani e gli avvocati che si oppongono a tali progetti in modo che possano portare avanti il loro lavoro in un ambiente sicuro .