Mille mondi di Messenger

10

STATI UNITI D’AMERICA – San Francisco 07/01/2016. Facebook ha annunciato il 7 gennaio che il numero di persone che utilizzano l’app Messenger si è aggirato sugli 800 milioni al mese.

Per la società si tratta solo di primo dato destinato a crescere nel 2016. I miglioramenti effettuati sull’app di messaggistica per smartphone prevedono di includere una maggiore velocità, rendendo più facile inviare foto, la possibilità della video chiamata, permettere che venga usato a livello aziendale per la clientela e la possibilità di inviare denaro ad amici. Facebook, inoltre, anche iniziato a testare il suo assistente virtuale digitale “M” in Messenger; un test che sarebbe andato bene. A dicembre 2015, poi, Facebook ha annunciato un’alleanza con Uber che consente alle persone negli Stati Uniti di utilizzare il servizio Uber tramite Messenger. La partnership è stata una decisone importante per entrambe le imprese in California, perché ha espanso ulteriormente il servizio di messaggistica di Facebook andando oltre la semplice comunicazione e ha messo Uber in contatto con una grande base di utenti. Uber viene descritto come il primo partner nel servizio di “trasporto su Messenger”, lasciando la porta aperta ai rivali di Uber. Nel 2016, Facebook intende sviluppare ulteriormente l’app consentendo alle imprese e alle società di servizi di connettersi con quanti utilizzano Messenger; al momento, l’app sta lavorando con società in e-commerce, di viaggio, vettori aerei e altri settori per testare nuove modalità di interazione. Per quel che riguarda l’e-commerce, Facebook lo considera una scelta naturale, ma ovviamente restano da affrontare le complicazioni dei sistemi di pagamento internazionali. Stesse difficoltà si registrano nella possibilità per una persona di inviare denaro ad un’altra utilizzando Messenger, uno sviluppo che richiederà ancora del tempo, secondo Facebook. Altra app. di messaggistica posseduta da Facebook è WhatsApp, che ha totalizzato più di 900 milioni di utenti alla fine dello scorso anno. Per la società statunitense si tratta di due app e due circuiti che operano indipendentemente.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAcqua per la Cina
Articolo successivoAiuti ONU a Madaya