Torna la MERS nelle Filippine

85

SVIZZERA – Ginevra 15/02/2015. Undici persone che hanno avuto contatto con il primo caso filippino confermato di Mers – Cov ne stanno mostrando i sintomi.

Secondo i darti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità usciti il 13 febbraio, il paziente zero, un’infermiera di 32 anni, tornato dall’Arabia Saudita il 1 febbraio, è stato ricoverato in ospedale il giorno successivo con isintomi del virius che si pensa trasmesso dai cammellli. L’Organizzazione Mondiale della Sanità sta ancora cercando di rintracciare oltre la metà delle persone che erano sullo stesso volo della Saudi Airlines da Riad a Manila. Nessuno dei compagni di viaggio dell’infermiera rintracciati ha mostrato i sintomi Mers e il rischio per loro è piccolo, ma tutti i passeggeri che non sono stati ancora contattati si dovranno presentare alle autorità sanitarie. Le autorità sanitarie stanno già monitorando 56 persone che avrebbero avuto contatti con l’infermiera. L’Oms invierà una missione a Riad la prossima settimana su richiesta del governo saudita, che lotta contro la malattia da quando è emersa nel 2012. Nove paesi del Medio Oriente hanno avuto casi confermati, mentre altri 13, tra cui ora le Filippine, hanno avuto casi diagnosticati associati a un viaggio all’estero. L’Oms ha avuto segnalazioni di 975 casi, di cui 358 decessi. Di solito c’è un aumento di casi in primavera, e dopo l’ultima grande epidemia nel maggio-giugno 2014, la maggior parte dei casi sono stati creati da “trasmissione ospedaliera”.