Meeting centroamericano contro la droga

65

MESSICO –  Città de Messico. Il presidente messicano Felipe Calderón ha incontrato i leader di Belize, Costa Rica e Honduras per ribadire la necessità di nuove politiche contro il traffico di droga, affrontando anche il tema della legalizzazione della marijuana.

Hanno incontrato Calderón il presidente del Costa Rica, Laura Chinchilla, il presidente dell’Honduras Porfirio Lobo e il primo Ministro del Belize Dean Barrow, assente giustificato il presidente del Guatemala, Otto Pérez Molina, impossibilitato a partecipare a causa dello stato di emergenza nel suo Paese creato dal devastante terremoto degli inizi di novembre.

Nella conferenza stampa finale, Calderón ha riconosciuto che la criminalità organizzata internazionale è ancora «la più grande minaccia» la regione si trova ad affrontare.

I presidenti hanno chiesto una sessione speciale della Assemblea Generale delle Nazioni Unite, entro il 2015, dedicata alla piaga dell’uso di droghe. I leader della regione sperano di poterla indirizzare verso la valutazione dei «limiti delle attuali politiche sulle droghe».

Agli inizi di novembre, gli stati americani di Colorado e Washington sono stati i primi Paesi dell’emisfero occidentale a legalizzare l’uso di marijuana.