La prossima bolla finanziaria colpirà il MO. FMI pronto a intervenire

36

USA –Washington. 17/11/13. Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) stima che i tassi di crescita negli stati del Golfo romperanno la barriera del 5% quest’anno, mentre quelli dei paesi del Levante scenderanno al 3 % a causa delle continue ripercussioni della Primavera araba e l’aumento della disoccupazione.

A darne notizia la testata Al- Hayat che ha intervistato il direttore del FMI per il Medio Oriente e il Nord Africa , Masood Ahmed. Secondo cui le ripercussioni della crisi politica in Siria «hanno colpito il Libano, Giordania e Iraq, hanno influenzato negativamente gli investimenti del settore privato e hanno portato al rinvio della ripresa prevista di un altro anno». Ahmad ha indicato che il tasso di crescita è inferiore al 3 % previsto in questa parte del mondo arabo per quest’anno e per il prossimo «non è sufficiente a risolvere il problema della disoccupazione, che è peggiorata con l’aggiunta di più di un milione di persone al rango di i disoccupati negli ultimi tre anni. E questo alza il rischio di ulteriori conflitti nella regione, soprattutto considerando gli elevati debiti e crescente deficit di bilancio». Ahmad ha avvertito che se la situazione nel Levante continua, la regione entrerà in un «loop pericoloso». 

Ha chiesto ai governi e alla comunità internazionale di intervenire per risolvere la crisi nei paesi arabi che sono ancora in una fase di transizione dopo che i precedenti governi sono stati rovesciati. Ha raccomandato a questi stati di «trovare soluzioni al problema della disoccupazione, destinare fondi per lo sviluppo delle infrastrutture, con l’aiuto della comunità internazionale, in particolare la regione del Golfo, ricca di petrolio, dovrebbe essere protagonista della ripresa e iniziare a risolvere i problemi che hanno spinto i cittadini a protestare nelle strade».  Masood Ahmed ha sottolineato che il FMI sta cercando porre in secondo piano le ragioni che hanno portato il MO a questa situazione, e ancora sarà elastico rispetto ai parametri finanziari stabiliti per i suoi prestiti, con l’obiettivo principale di sostenere questa regione e che il FMI sta collaborando con i paesi donatori a fornire aiuti per i paesi della Primavera araba o quelli colpiti dalla ripercussioni della Primavera araba .

Per il funzionario dell’FMI la situazione del Libano non è problematica, il tasso di crescita del Libano scenderà del 1,5 % quest’anno e il prossimo anno andrà ancora peggio vista la difficoltà di questo Paese a causa della tensione politica in Siria di pagare i suoi debiti.

Egli ha sottolineato che il FMI è pronto ad assistere il nuovo governo egiziano se necessario. Da parte sua, il capo economista di Citigroup per la regione, Farouk Soussa, ha detto , «l’Egitto non ha bisogno di denaro FMI, ma piuttosto la sua consulenza tecnica. Tuttavia, il supporto tecnico senza finanziamenti» non è sufficiente. Ahmed ha detto che se gli Stati Uniti non riescono a risolvere il suo problema del debito il prossimo febbraio, gli Stati del Golfo, in particolare gli Emirati Arabi Uniti, potrebbero essere colpiti perché le loro economie sono collegate a quella degli Stati Uniti .

Tra i problemi che l’FMI vede come imminenti quelli economico -finanziari derivanti da una incapacità di risparmio da parte dei Paesi esportatori di petrolio. «I Paesi esportatori di petrolio arabi non risparmio abbastanza, spendono i loro proventi del petrolio e quindi potrebbero soffrire di deficit di bilancio a partire dal 2016, se le attuali politiche non vengono modificate. Ha predetto che la spesa GCC aumenterebbe di oltre il 4 % 2013-2018. Secondo la Reuters  la spesa GCC è aumentato del 15 % all’anno negli ultimi dieci anni.

Non solo il Fondo avverte che le restrizioni alla spesa non saranno sufficienti a prevenire i deficit di bilancio in questi paesi. Tra i sei paesi del Golfo, il Bahrein è l’unico con un deficit di bilancio. Oman dovrebbe avere un deficit di bilancio nel 2015 e l’Arabia Saudita nel 2018. Gli avanzi di bilancio dovrebbero diminuire in 11 paesi esportatori di petrolio arabi pari al 4,2 % del Pil quest’anno, rispetto al 6,3 % dello scorso anno. E ancora le entrate dei Paesi del Golfo sono minacciate anche dalla diminuzione del prezzo del petrolio. «Nonostante la scarsità, causata dalla battuta d’arresto inaspettata nella produzione e crescenti pericoli politici nell’estate del 2013, la crescita della domanda mondiale di petrolio può coincidere con un aumento della crescita di approvvigionamento da fonti non convenzionali al di fuori dell’OPEC. Ciò deprimere la domanda di petrolio OPEC di circa mezzo milione di barili al giorno entro il 2016», ha detto il FMI. L’FMI ha anche detto che la maggior parte dei paesi esportatori di petrolio arabi hanno bisogno che il prezzo del petrolio superi i 90 dollari al barile per evitare deficit di bilancio. Ha chiesto ai governi di cercare fonti di reddito diverso da quello del petrolio.

La maggior parte dei governi della regione soprattutto nel GCC, affermano che essi sono consapevoli dei pericoli derivanti da una economia basata sul petrolio e che stanno prendendo misure per affrontare il problema, tra cui diversificare le loro economie e di fornire posti di lavoro per i propri cittadini nel settore privato. Dopo aver visitato Teheran, una delegazione del FMI ha annunciato che l’FMI intende riavviare la sua valutazione periodica dell’economia iraniana a partire all’inizio del prossimo anno, dopo una sosta di due anni. L’FMI ha discusso il tasso di inflazione iraniana, e quindi i modi per rilanciare la crescita economica, prevede di riformare i sussidi e altri problemi strutturale. Secondo l’AFP, l’FMI ha invitato le autorità iraniane a concentrarsi sulla lotta contro l’inflazione elevata e il ripristino della crescita economica. L’inflazione iraniana è pari a circa il 40%, e il paese si aspetta di vivere un secondo di economia debole. L’FMI ha invitato l’Iran ad affrontare le sue «sfide economiche strutturali» nelle politiche monetarie e fiscali, e di riformare il settore bancario.