Mauritania: condanna a morte per apostasia

48

MAURITANIA – Nouakchott. 28/12/14. Un’organizzazione anti-schiavitù in Mauritania venerdì ha chiesto di perdonare un giovane condannato a morte per apostasia nel Paese, deplorando «un processo sommario condotta sotto la pressione dell’opinione pubblica» incoraggiato da «oscurantisti gruppi scissionisti».

In un comunicato inviato alla AFP a Nouakchott, l’iniziativa per la rinascita del movimento abolizionista (IRA) «condanna fortemente, e per qualsiasi motivo, l’uso della pena di morte e invita coloro che potrebbero avere influenza sul presidente “Mauritania Mohamed Ould Abdel Aziz” per chiedergli di usare il suo potere per perdonare il condannato». Mercoledì notte, un tribunale di Nouadhibou (nord-ovest), ha condannato a morte Mohamed Cheikh Ould Mohamed, 29 anni, musulmano, accusato di apostasia per uno scritto considerato blasfemo che pregiudica il profeta Maometto. Durante il suo processo, il giorno precedente, l’imputato è stato dichiarato non colpevole e ha spiegato che non intendeva criticare il profeta, ma intendeva difendere una componente sociale “maltrattata e abusata”».
La Corte ha ricordato che è stato accusato di apostasia «per aver parlato con leggerezza del profeta Maometto e ha violato gli ordini divini» in un articolo su un sito di brevi notizie della Mauritania, il testo denunciato da organizzazioni islamiche, perché contestava le decisioni prese dal Profeta e dei suoi compagni durante le guerre sante.
Il verdetto è stato dato «dopo un processo sommario condotta sotto la pressione dell’opinione pubblicada fazioni oscurantiste (…) alleata alle reti feudi religiosi», ha detto l’IRA. «La sentenza di pena capitale arriva dopo più di un anno di detenzione» dell’imputato, che è stato arrestato il 2 gennaio, dice, esprimendo “stupore” e “tristezza” di fronte al giudizio. L’ONG ha detto che Mohamed Cheikh Ould Mohamed è stato identificato anche come Mohamed Ould Cheikh Ould Mkheitir. Si è pentito di aver offeso il profeta.
«Questo pentimento doveva abbattere qualsiasi condanna per apostasia o blasfemia dalla normativa della Mauritania. Ma la corte Nouadhibou sembra aver ignorato tale disposizione,, preferendo seguire gli impulsi una folla» ha fatto sapere le ONG. Mercoledì sera, manifestazioni di piazza hanno accolto il verdetto registrato a Nouadhibou e Nouakchott, secondo numerose fonti. Venerdì nella capitale, dopo la grande preghiera, centinaia di persone provenienti da diverse parti moschee hanno partecipato senza preavviso, accogliendo con favore la decisione, secondo i testimoni. Nella sua dichiarazione, l’IRA sottolinea anche la guardia «contro ogni tentativo di fare affidamento sull’isteria di massa alimentata dalla sentenza del tribunale Nouadhibou per dirigere o influenzare il procedimento al processo dei suoi attuali leader Rosso» nel sud del paese. Le udienze sono state sospese Giovedi e riprenderanno il 29 dicembre.
Due degli imputati liberi su cauzione, insieme ad altri otto sono stati arrestati da metà novembre, arrestati durante lo svolgimento di una campagna per denunciare la schiavitù in Mauritania. Per le autorità, la campagna ha fornito un forum per una “propaganda razzista”. Ufficialmente, la schiavitù è stata abolita in Mauritania dal 1981 e punibili con la reclusione nel 2007. Tuttavia, la pratica continua secondo le ONG.