MAROCCO. Violenza di genere diffusa in ambito pubblico

102

di Luigi Medici MAROCCO – Rabat 28/01/2017. Oltre la metà dei casi di “violenza di genere” in Marocco si svolgono nella sfera pubblica. Secondo il ministro della Solidarietà, donne, famiglia e sviluppo sociale, ripreso dall’agenzia Map.

Bassima Hakkaoui ha detto che il 53 per cento dei casi segnalati di violenza fisica contro le donne e il 66 per cento dei casi di violenza sessuale si sono verificati in luoghi pubblici; Hakkaoui, che stava parlando ad un convegno sulle città e le donne sicure, ha chiesto al parlamento nazionale di combattere la violenza contro le donne, aggiungendo che «l’impunità costituisce uno dei motivi che favorisce la propagazione di questo fenomeno». La proposta di legge, attualmente in discussione al Parlamento del Marocco, prevede pene più severe per i reati legati al genere. Il Marocco è stato anche criticato da parecchi gruppi femministi che dicono che la legge non è conforme agli standard internazionali.

Leila Rhiwi, il rappresentante per l’agenzia delle Nazioni Unite per le donne in Marocco, ha detto che la violenza contro le donne nelle aree urbane ha superato notevolmente la violenza nelle zone rurali. UN Women, in collaborazione con le autorità locali, sta attuando un programma per identificare e la lotta contro tutte le forme di violenza di genere negli spazi pubblici in oltre 20 città del Marocco.